in

Coup de Chance | Woody Allen, Parigi e quel film che suona come un addio

Fuori concorso a Venezia arriva il cinquantesimo film del regista, un thriller sulla scia di Match Point

Niels Schneider, Lou de Laâge e Woody Allen sul set di Coup de Chance
Niels Schneider, Lou de Laâge e Woody Allen sul set di Coup de Chance

ROMA – Fanny (Lou de Laâge) e Jean (Melvil Poupaud) hanno tutto della coppia ideale. Realizzati nella loro vita professionale, vivono in un magnifico appartamento nei bei quartieri di Parigi e sembrano innamorati come il primo giorno. Ma quando Fanny incrocia, per caso, Alain (Niels Schneider), un ex-compagno di liceo, viene subito travolta. Si rivedono molto velocemente e ancora più velocemente si avvicinano l’uno all’altro. Parte da qui Coup de Chance, il nuovo – e verosimilmente ultimo – film scritto e diretto da Woody Allen. E non siamo noi a dirlo, ma lo stesso autore che in tempi non sospetti ha fatto intendere che il suo cinquantesimo film sarebbe stato anche l’ultimo.

Coup de Chance di Woody Allen sarà presentato Fuori Concorso all'80esima Mostra del Cinema di Venezia
Coup de Chance di Woody Allen sarà presentato Fuori Concorso all’80esima Mostra del Cinema di Venezia

Proprio per l’importanza del momento, gli addetti ai lavori davano quasi per scontata la presenza di Coup de Chance a Cannes 76, specie tenendo conto della natura francofona del film. Nessuno di loro però ha fatto i conti con il direttore artistico Thierry Frémaux che ha preferito passare oltre a causa del reiterato scandalo Farrow che accompagna la vita di Allen da trent’anni a questa parte. E quindi Venezia 80 come Fuori Concorso, la stessa Venezia che lo ha insignito del Leone d’oro alla carriera nel 1995 e del Premio Pasinetti assegnato dal SNGCI nel 1983 per Zelig. A conti fatti quindi la miglior cornice possibile per Coup de Chance.

Un estratto della locandina di Coup de Chance di Woody Allen
Un estratto della locandina di Coup de Chance di Woody Allen

Un film definito da Allen come: «Una storia di romanticismo, passione e violenza ambientata nella Parigi contemporanea e sviluppato intorno alla storia d’amore tra due giovani che sono vecchi amici e si trasformano nell’infedeltà coniugale e infine nel crimine. I protagonisti sono attori e attrici francesi molto dotati, è tutto in lingua francese ed è stato meravigliosamente fotografato da Vittorio Storaro. Il resto lo lascio alla vostra sorpresa». E se da una parte la suggestione Match Point pone Coup de Chance come ideale proseguo tematico, dall’altra Storaro ci mette in guardia sull’unicità del concept: «Non lo paragonerei proprio a Match Point. Lo script fa un lavoro magistrale nel mescolare dramma e commedia, calibrandoli ogni volta in modi molto diversi».

Niels Schneider e Lou de Laâge in una scena del film
Niels Schneider e Lou de Laâge in una scena di Coup de Chance

Storaro ci lascia poi con un avvertimento a proposito della natura filmica di Coup de Chance: «Posso solo dire che si svolge nel presente, che ci saranno tante risate ma anche brividi oscuri». Avvicinandolo quindi più al progenitore di Match Point, quel magistrale Crimini e Misfatti – di cui Match Point è (in)diretto remake sotto nuovo titolo – la cui essenza era figlia di una natura insolita ma armonica, in perfetto bilico tra commedia e dramma. E poi c’è la tipica magia Allen fatta di citazioni eleganti, dialoghi vivaci di buon ritmo e la consapevolezza di essere di fronte all’ennesima opera d’arte del Maestro newyorchese. Appuntamento a Venezia, aspettando l’arrivo nei cinema italiani.

  • REVISIONI | Il Dormiglione, i cinquant’anni del kolossal sci-fi di Woody Allen
  • OPINIONI | Rifkin’s Festival, Woody Allen e il suo cinema tra Fellini e Godard
  • REVISIONI | E se Match Point fosse l’ultimo capolavoro di Woody Allen?

Qui sotto potete vedere il trailer del film: 

Lascia un Commento

Paprika

Paprika | Il sogno di Satoshi Kon e quella rivoluzione nell’animazione giapponese

Zodiac

Zodiac | David Fincher, il killer dello Zodiaco e la storia vera dietro al film