in

Killers Of The Flower Moon | Se Scorsese e DiCaprio raccontano l’altra America

Un bestseller, gli Osage Murders, la nascita dell’FBI. A Sorrento 01 presenta un film destinato a essere un cult

Leonardo DiCaprio in una scena di Killers of the Flower Moon.
Preview

MILANO – Leonardo DiCaprio? Uno dei migliori attori della sua generazione, nessun dubbio. Ma è anche celebre per le sue love story che cambiano continuamente protagonista femminile. Eppure, nella vita dell’attore, c’è una relazione consolidata nel tempo, quella con Martin Scorsese. Galeotto fu il set di Gangs of New York. In seguito i due girano insieme il cortometraggio The Audition e altri quattro film: The Aviator, The Departed, Shutter Island e The Walf of Wall Street. Una delle coppie d’oro di Hollywood che adesso arriva alla sesta collaborazione con Killers of the Flower Moon, thriller basato su Gli assassini della terra rossa di David Grann, edito in Italia da Corbaccio e lanciato alle Giornate di Sorrento da 01.

Sul set di Killers of the flower moon: dalla pagina Instagram di Martin Scorsese.

Ma di cosa parla l’opera di Grann? Il romanzo racconta la serie di delitti passati alla storia come gli Osage Murders, il primo grande caso di cronaca affrontato e risolto dall’FBI. Siamo negli anni ’20 e i federali di J. Edgar Hoover (già interpretato da DiCaprio nel biopic diretto da Clint Eastwood) indagano sui misteriosi omicidi di alcuni nativi americani della contea di Osage in Oklahoma, avvenuti dopo la scoperta di un giacimento di petrolio nei terreni posseduti dalle vittime. Ufficialmente si parla di una ventina di morti, ma il reporter sostiene che gli speculatori abbiano ucciso centinaia di donne e uomini, la cui unica colpa era quella di vivere in un territorio ricco di oro nero. Ad occuparsi della sceneggiatura di Killers of the Flower Moon, Eric Roth, Oscar per Forrest Gump, candidato anche per lo script di A Star is born.

Killers of the flower moon indiani
Un’immagine dei nativi americani della contea di Osage

Scorsese ha dichiarato: «Quando ho letto il libro di David Grann, ho cominciato a vederlo: la gente, le ambientazioni, l’azione. Ho capito che dovevo trasporlo in un film. Sono entusiasta di lavorare con Eric Roth e di ritrovare Leo per portare sullo schermo questa inquietante storia americana». Il film uscirà in Italia nel gennaio del 2023 e nel cast ci saranno anche Lily Gladstone, Brendan Fraser, Robert De Niro e Jesse Plemon.

Lascia un Commento

Marta Lucchesini: «Il Mio Nome è Vendetta, la prima colonna sonora e le compositrici…»

Marco D'Amore

Marco D’Amore: «Napoli Magica, Giancarlo Siani e una città che denuncia le sue miserie»