in

L’Opinione | Big Little Lies 2: il suono della verità e le conseguenze di una bugia

Andrea Arnold firma la regia della seconda stagione della serie HBO dedicata alle Monterey 5

Un'immagine di Big Little lies 2

MILANO – La voce di Elvis che risuona in una cover in sottofondo, le luci intermittenti dell’ambulanza, il nastro della polizia a delimitare la zona che fino a pochi attimi prima ospitava una festa. Le abbiamo conosciute così Madeline (Reese Witherspoon), Jane (Shailene Woodley), Bonnie (Zoë Kravitz), Celeste (Nicole kidman) e Renata (Laura Dern). Le Monterey 5 dal rimmel colato e le acconciature disordinate, interrogate dopo «la caduta accidentale» dalle scale di Perry (Alexander Skarsgård), il marito violento di Celeste, che ne ha causato la morte.

Big Little Lies 2: una scena della seconda stagione
Le Monterey 5

Otto Emmy e quattro Golden Globe dopo le ritroviamo per una seconda stagione diretta da Andrea Arnold. La regista inglese di un inedito spiazzante come Fish Tank con Michael Fassbender e dei sogni infranti di Sasha Lane in American Honey prende il timone della serie HBO dopo il trionfo di Jean-Marc Vallèe. Un compito tutt’altro che semplice per una stagione che in molti guardavano con diffidenza. I primi due episodi di Big Little Lies 2  – dal 25 giugno su CHILI – (di)mostrano di essere in grado di evolversi dal materiale di partenza – il romanzo di Liane Moriarty – per affrontare tematiche nuove.

Big Little Lies 2: una scena della seconda stagione
Nicole Kidman e Meryl Streep in una scena di Big Little Lies 2

A partire dal confronto con il lutto e il trauma che si traducono in urla liberatorie e silenzi angoscianti, ricordi dai contorni persecutori o confortanti. E ognuna delle cinque protagoniste – a cui va ad aggiungersi Meryl Streep nel ruolo di Marie Louise, la madre di Perry, vera sorpresa di questo secondo capitolo – rappresenta il tassello di una storia comune fatta di reazioni differenti che ruotano attorno ad una bugia. Quella raccontata in una stanza della stazione di polizia che ha spazzato via la facciata di perfezione delle loro vite dietro cui si nascondevano lividi e tradimenti, gelosie e solitudini.

Big Little Lies 2: una scena della seconda stagione
Una scena di Big Little Lies 2

Una bugia che sconvolge e, paradossalmente, libera. E se What Have The Done?, primo episodio di Big Little Lies 2 prepara le carte in tavola, Tell-Tale Hearts le scopre mostrandoci le conseguenze a lungo raggio di quella notte. Ad aprire gli episodi, ancora una volta, Cold Little Heart di Michael Kiwanuka, e il rumore delle onde dell’oceano a fare da Leitmotiv emotivo per una seconda stagione che unisce Al Green a Diana Ross, Sufjan Stevens ai The Spinnoss, i Portishead a Phoebe Killdeer & The Short Straws. Ritmi, suoni e umori diversi. Come quelli delle cinque protagoniste, unite nonostante le differenze.

Qui potete vedere il trailer di Big Little Lies 2:

Lascia un Commento

Hot Corn Social Club | Non solo Italia, scoprite la versione inglese di Hot Corn

L’Opinione | Tra i Nirvana e le stelle: perché Captain Marvel è l’eroina che aspettavamo