in

Tra Rihanna, sogni infranti e Shia LaBeouf: i beautiful losers di American Honey

La provincia, l’illusione della speranza, la musica. E un film che colpisce cuore e stomaco

Il trucco sbavato, sputi di città, balere che gracchiano country, verande impregnate di sporco e degrado. New York e Los Angeles sono luci straniere in un angolo di Stati Uniti dove i sogni sono strafatti di anfetamina e abbandono. Un’instantanea reale e distruttiva, fotografata dalla regista e sceneggiatrice (britannica) Andrea Arnold – che presto ritroveremo dietro la macchina da presa di Big Little Lies 2 – nell’abbagliante American Honey, incredibilmente inedito in Italia dopo il passaggio a Cannes di due anni fa. Titolo beffardo, preso in prestito da un brano dei Lady Antebellum che cantava di un amore dolce e romantico, ma qui di dolce e romantico c’è poco e l’unica cosa pura, in un mare di immondizia e brutalità, si chiama Star, interpretata da Sasha Lane, debuttante destinata a gloria futura. Ha diciotto anni, vive a Muskogee, Oklahoma, e in uno dei suoi giorni tutti uguali, con i due fratellini abbandonati da un padre mostruoso, decide di seguire Jake – Shia LaBeouf, che quando vuole sa essere un fuoriclasse – capo carovana di un pugno di ragazzi senza passato né futuro.

Beautiful losers: Shia LaBeouf e il suo manipolo di vagabondi.

American Honey è un faro che illumina il lato oscuro dell’american dream e lo fa in modo schietto e feroce, tra esplosioni di vita e dolore, seguendo personaggi che fanno schifo, tenerezza, compassione. Lì in mezzo  c’è Star, che non ha stelle ma solo luci al neon di motel ad indicarle una strada che vorremmo non percorresse, ma che è l’unica che conosce, l’unica che può farle credere – anche solo per un attimo – che i sogni nascono proprio da quella disperazione che stordisce. Esattamente come canta Rihanna in We Found Love, strillata a bordo di un furgone da quel pugno di anime dimenticate,  esaltante colonna sonora di un’America bianca, maschia e provinciale, che mai avrebbe teso la mano verso l’audacia della speranza dell’era Obama, oggi tremendamente lontana.

Shia LaBeouf e Sasha Lane in American Honey.

American Honey però non è un film politico nel significato più classico del termine, ma un film concettuale. Una scena, chiave, sintetizza tutto: Star deve vendere le riviste, sale su un tir e, con la telecamera della regista alle spalle, comincia a parlare con l’autista di illusioni, desideri, aspettative. Parlano e ascoltano Bruce Springsteen, che in radio sussurra, appunto, Dream Baby Dream. Pare che tutto abbia un senso, che l’America si sia finalmente rivelata: un tir, la strada, The Boss, un cane. Ma quando Star scende, si accorge che quel tir trasporta bestiame destinato alla morte. Uno dei (molti) pugni allo stomaco del film, che la Arnold in quasi tre ore alterna a pillole di aria pura, inghiottite per non affogare, per continuare a respirare, per continuare a tenere gli occhi puntati al cielo, ignorando un destino che non promette nulla di buono. Dream, Baby Dream.

Qui potete vedere il trailer del film:

Lascia un Commento

Claudia Gerini: «La doppia vita di Federica Angeli e il suo esempio da seguire»

Ricomincio da 25 | Pensavamo fosse amore e invece era Massimo Troisi