in

Trolls World Tour | Justin Timberlake e l’irresistibile colonna sonora del film

Pop, dance, rock: la soundtrack del cartoon è da ascoltare rigorosamente al massimo del volume!

Trolls World Tour
Trolls World Tour

MILANO – Dopo l’enorme successo di Trolls nel 2016 (quasi 400 milioni di dollari nel mondo) sta per arrivare l’attesissimo sequel Trolls World Tour, che sarà disponibile direttamente in digitale su CHILI. Insieme agli amati protagonisti Poppy e Branch e al popolo dei Troll, ritorna anche il cast originale e, ovviamente, non poteva mancare Justin Timberlake alla produzione della colonna sonora, rilasciata in digitale nell’album Trolls World Tour (Original Motion Picture Soundtrack). Timberlake segue il successo della colonna sonora del primo film, grazie alla quale ha vinto il suo decimo Grammy per il singolo Can’t Stop the Feeling.

Per Trolls World Tour troviamo il singolo The Other Side in collaborazione con SZA in stile disco anni Ottanta, riguardo al quale ha dichiarato “creare qualcosa che serve sì al film ma al tempo stesso che possa esistere come progetto a sé stante è stata una sfida”. La colonna sonora, prodotta insieme a Ludwig Göransson, è interamente scritta e composta da Timberlake e le canzoni coinvolgono anche parte del cast come Kelly Clarkson, Anna Kendrick, James Corden, Anthony Ramos, Icona Pop e Mary J. Blige. Fra i doppiatori italiani troviamo invece Francesca Michielin e STASH dei The Kolors. Un’esperienza a cui il pluripremiato cantante è stato ben felice di tornare, affermando che “è stato un processo così divertente, scrivere e produrre per questo progetto”.

I brani, rivelati dallo stesso Timberlake sul suo profilo Twitter con una foto della lista scritta a mano, spaziano tra i più diversi generi musicali. Oltre al singolo The Other Side e Don’t Slack, usciti in anticipo rispetto all’album, troviamo anche, ad esempio, Trolls Wanna Have Good Times (ispirato a Cindy Lauper), Rock N Roll Rules, Yodel Beat, It’s All Love (History of Funk), One More Time e molti altri. Kelly Clarkson è centrale nella traccia al banjo Born to Die mentre Rachel Bloom si diverte tra le cover di Barrcauda, Crazy Train e Rock You Like a Hurricane su note rock; l’ultimo brano Just Sing (Trolls World Tour) vede invece coinvolto tutto il cast.

Questa volta la musica è veramente centrale, a differenza della colonna sonora del primo film, che trovava il suo punto di forza unicamente nel singolo: le canzoni originali e le cover sono tutte essenziali alla storia. L’idea di utilizzare più generi è strettamente legata alle originali avventure che aspettano i Troll in questo nuovo film. Poppy e Branch, infatti, scoprono che al mondo esistono sei tribù di Troll, sparse su sei terre diverse e che si esprimono proprio attraverso sei tipi di musica: Funk, Country, Techno, Classica, Pop e Rock.

I nostri piccoli eroi dovranno affrontare la regina Barb che vuole distruggere gli altri tipi di musica in modo che il rock regni sovrano e sarà loro compito, allora, unire tutte le terre dei Troll in modo che vivano in armonia. Il che naturalmente è il pretesto perché i due viaggino in tutte le terre per dare modo alle tribù di sfoggiare il loro incredibile repertorio musicale. Il risultato è un insieme fresco e innovativo, che riesce a celebrare in un colpo solo la musica in tutte le sue forme e dà quella giusta scarica di energia che coinvolge tutti a cantare insieme.

  • Appassionati di colonne sonore? Ascoltatele nella nostra rubrica Soundtrack

Qui la nostra intervista al regista Walt Dohrn:

Lascia un Commento

The Terminal

The Terminal | Tom Hanks, Nasseri e la storia vera che ispirò Steven Spielberg

Iggy Pop, Michel Houellebecq e quella folle necessità di rimanere vivi