in

Come ritornare dentro il mondo di Ritorno al Futuro? Con una collana di fumetti

La DeLorean, Einstein, Marty, Doc: i protagonisti della trilogia nei comics firmati da Bob Gale

Marty McFly in versione fumetto in Ritorno al futuro.

ROMA – «Dove vai adesso? Ritorni al futuro?», domandava Marty. «No, ci sono già stato!», gli rispondeva Doc, tornato nel 1985 dal Far West per recuperare il suo fido Einstein. In realtà, era il 1990 e, dopo tre film (cult) si concludeva il viaggio spazio-temporale di due miti del cinema, in quella saga firmata da un tris che, di fantasia, qualcosa se ne intende: Robert Zemeckis alla regia e alla sceneggiatura, insieme a Bob Gale, con Mr. Steve Spielberg a produrre il tutto, tenendo a mente, rispettivamente, tre ingredienti: la DeLorean DMC-12, una vena malinconica e, soprattutto, che nulla è davvero impossibile.

Doc e Marty versione comics.

Insomma, la chiave di Ritorno al Futuro era tutta lì, il viaggio alla scoperta di cosa ci abbia fatto diventare quello che siamo. Incontri, scontri, scelte, con Emmett ”Doc” Brown/Christopher Lloyd e Marty McFly/Michael J. Fox un po’ come Virgilio e Dante, che avevano smarrito la retta via per ritrovarsi su e giù per quel continuum ad evitare paradossi che, al solo sguardo, avrebbero potuto cambiare per sempre le loro vite. Quattro anni, quattro timeline diverse e incastrare tra loro: 1885, 1955, 1985 e 2015 (niente skateboard volanti, dunque, nonostante il brevetto Mattel esista davvero!), con (quasi tutti) i fan della saga che, puntualmente, ogni 26 ottobre che si rispetti, invocano, a suon di trailer home-made a annunci-fake, un (impossibile) quarto capitolo della saga.

back-to-the-future
Alcune cover della collana IDW.

Ma, si sa, la fantasia (un po’ come la vita) trova sempre la strada per imporsi, così per scoprire cosa sia stato di Doc, di Marty e di Einstein – insieme a tutto il loro universo, compreso al bullo Biff –, lo sguardo, invece che al grande schermo, va indirizzato verso il mondo dei fumetti, trampolino perfetto per alimentare storie e avventure terminate al cinema. A pubblicare la saga, nel 2015, ci ha pensato la IDW Publishing, grazie alla serie Storie Mai Narrate e Linee Temporali Alternative, con la sceneggiatura firmata proprio da Bob Gale e con i testi scritti da John Barber ed Erik Burnham. Ai disegni, bellissimi, un folto cast di artisti ed esperti fumettisti: Brent Schoonover, Dan Schoening, Marcelo Ferreira, Chris Madden, Corin Howell, Alan Robinson ed Ryan Browne.

ritorno al futuro einstein
Un passaggio della collana Back to the Future: Tales from the Time Train

Come intuibile dal titolo, la collana di fumetti (reperibile in Italia e pubblicata da Italcomics in vari volumi ed edizioni), espande le realtà alternative di Back to the Future, per andare a raccontare gli infiniti salti temporali possibili, arrivando addirittura al Giurassico. Uscita nel 2015 e andata letteralmente a ruba, la collana inizialmente prevedeva solo cinque numeri, diventando poi una serie regular, dando tutte le risposte (e sono molte, moltissime!) lasciate in sospeso nei film: come si sono conosciuti Doc e Marty; perché Joey Baines finisce il prigione; cosa c’entra Doc con il progetto Manhattan del 1945…

ritorno-al-futuro-fumetti
Le cover della nuova saga Back to the Future: Tales from the Time Train.

Dunque, i fan possono ritenersi soddisfatti, hanno avuto le risposte che cercavano, sfogliando e leggendo i fumetti. Ma resta ancora un dubbio, il più grande: dove è andato Doc, insieme alla suanuova famiglia, dopo Ritorno al Futuro III? Anche qui la IDW, forte del successo, ha avuto l’intuizione di scrivere e disegnare un sequel ufficiale, ideato ancora una volta da Bob Gale. Back to the Future: Tales from the Time Train, sei numeri pubblicati due anni fa con protagonisti Doc, Clara, il fedele Einstein e prole al seguito. Perché, se c’è una cosa che Ritorno al Futuro ci ha insegnato, è che il futuro non è futuro finché non arriva. Nulla è ancora scritto.

Volete (ri)vedere il film? lo trovate su CHILI: Ritorno al Futuro

  • Comic Corn #1: Grosso Guaio a Chinatown e un’avventura che continua
  • Comic Corn #2: Da Hollywood alle strisce: la seconda vita di Indiana Jones
  • Comic Corn #3: Dal deserto ai fumetti: Mad Max: Fury Road in versione comics
  • Comic Corn #4: Dalla tv ai fumetti: i neon di Miami Vice sono più fluo che mai
  • Comic Corn #5: Joe Shuster, il suo Superman e quella graphic novel che ne racconta la storia
  • Comic Corn #6: Siete pronti a catapultarvi nel SottoSopra a fumetti di Stranger Things?
  • Comic Corn #7: Stefano Piani: «Dario Argento, Dylan Dog e il nostro incontro»

Lascia un Commento

basement café

Da Il divo a Il Caimano | Dentro la settima puntata di Basement Café

Io & il cinema | Rkomi: «Into the Wild, Vita di Pi e Leonardo DiCaprio…»