in

Cannes Archives: Ruben Ostlund e il cinismo disilluso di The Square

Mentre va in scena l’edizione numero 71, riscopriamo su CHILI titoli e cult transitati dalla Croisette

A cavallo fra la mondanità di sorrentiniana memoria (La grande bellezza) e la sferzante critica bunueliana de L’angelo sterminatore, The Square è un film sul caos che imperversa nell’ordine borghese della società moderna, prima ancora che sulla gestione di una galleria d’arte. Il titolo designa proprio il nome di un’opera d’arte: un quadrilatero inciso sul pavimento antistante la facciata dell’edificio al cui interno tutti hanno uguali diritti e doveri. L’ironia sferzante di The Square, a cavallo fra grottesco e carnevalesco, non passò inosservata a Pedro Almodòvar – presidente della giuria del Festival di Cannes 2017, nella quale era presente lo stesso Sorrentino – che lo insignì del riconoscimento massimo.

Il quadrilatero che dà il titolo al film.
Il quadrilatero che dà il titolo al film.

Il film ebbe la meglio su opere a lungo celebrate dalla critica, vedi Loveless del russo Andrei Zvyagintsev e The Killing of a Sacred Deer di Yorgos Lanthimos. Lo svedese Ruben Östlund, autore con alle spalle una carriera da regista di video sciistici, torna sul grande palcoscenico a distanza di tre anni dal secondo lungometraggio, Forza maggiore, che pure aveva ottenuto il premio della giuria Un certain regard a Cannes. Ma cosa colpisce di The Square? Il cinismo disilluso con cui si interroga sulla natura umana, prendendo a prestito la figura quasi macchiettistica di Christian, il curatore del museo, cristallina espressione delle storture più deteriori della “società moderna”.

La gioia di Ruben Ostlund al ritiro della Palma d'oro a Cannes70.
La gioia di Ruben Östlund al ritiro della Palma d’oro a Cannes70.

La critica all’arte contemporanea, alle sue installazioni e “buffonate” varie, assume il ruolo di cornice che racchiude un ordine cosmologico fatto di menzogne – come quella del video promozionale con protagonista il bambino che si abbarbica ad un gattino – e finzione istituzionalizzata. Anche il tema del rapporto con l’immigrazione, pur in una Svezia forse troppo perfetta, finisce sotto la lente d’ingrandimento di Ostlund e culmina con il conflitto tra Christian e il ragazzino figlio di immigrati, accusato ingiustamente del furto del portafogli occorso al direttore della galleria.

La scena dell'irruzione alla cena.
La scena dell’irruzione al banchetto dell’uomo-gorilla.

Ma la scena principe di tutta la pellicola è la spiazzante irruzione di un uomo-gorilla durante un banchetto borghese – il che rende vagamente l’idea di cosa sia questo folle film – che provoca e aggredisce fisicamente i presenti, rinvigorendo il retaggio animalesco degno dell’Homo homini lupus coniato dal commediografo latino Plauto. The Square è disturbante, ardito al punto giusto – forse leggermente sfilacciato nella prima parte – ma spinge più in là il cinema del cineasta svedese, verso una riflessione filosofica meno didascalica rispetto al precedente (ma sempre ottimo) Forza maggiore.

Il film di Ostlund lo trovate su CHILI: The Square

  • Cannes Archives: Captain Fantastic e la necessità del compromesso
  • Cannes Archives: Underground e quella profezia di Kusturica
  • Cannes Archives: Segreti di Famiglia e il problema di chi rimane
  • Cannes Archives: Mal di Pietre e quegli amori impossibili
  • Cannes Archives: Xavier Dolan, la follia e il lessico famigliare di Mommy 
  • Cannes Archives: Céline Sciamma e la diversa normalità di Diamante nero

Lascia un Commento

Quiz Corn: Indovinate otto film con… Meryl Streep

Caro Diario #9: Spike Lee, i controlli e la serietà della Croisette