in

Cannes Archives | Céline Sciamma e la diversa normalità di Diamante nero

Mentre va in scena l’edizione numero 75, riscopriamo su CHILI titoli transitati dalla Croisette

Una scena di Diamante Nero.

ROMA – Ancora nessuno la conosceva, ma era il 2007 quando Céline Sciamma esordì alla regia con Naissance des pieuvres, ritratto di formazione e di prime confuse scoperte sessuali di tre adolescenti della periferia parigina. Presentato nella sezione Un Certain Regard di Cannes, il film ottenne tre candidature ai César. Sette anni e un altro film – Tomboy – dopo, la regista tornò sul red carpet del festival con Diamante neroBande de filles in originale – apertura della Quinzaine des Réalisateurs (lo trovate in streaming su CHILI qui) nonché ideale proseguimento di un tematico filo rosso che attraversa il suo cinema.

Cannes 2014: Céline Sciamma e il cast di Diamante Nero.

La storia è quella di Marieme (Karida Touré), adolescente soffocata da un fratello padrone e costretta a fare da madre alle sorelle più piccole in un quartiere alveare della banlieu. Vorrebbe solo essere «una ragazza normale», come dice ad un certo punto del film ad una sua insegnante. Fotocopia sbiadita, riflesso altrui. Ma l’incontro con tre coetanee molto più sfacciate di lei che le cambiano il nome in Vic – «come vittoria» – sprigionerà nella ragazza la forza per affrancarsi dal pesante contesto familiare e dare inizio a un percorso di crescita.

Una scena di Diamante nero.
Un momento di Diamante nero.

E se il film si apre con una partita di football femminile – omaggio a Friday Night Lights – la Sciamma ci mostra poi il mutare della fisicità della protagonista, la scoperta di femminilità e sessualità, il coraggio di ribellarsi a una figura maschile soffocante e assumere gli atteggiamenti aggressivi della bande de filles con la quale trascorre le giornate. Una natura episodica nella quale la regista costruisce le varie tappe di una trasformazione perfettamente inserita nella sua grammatica, tanto da poter considerare Diamante nero ideale proseguimento di Tomboy.

Karidja Touré e Idrissa Diabaté in una scena del film.
Karidja Touré e Idrissa Diabaté in un’altra scena.

Un coming of age, dunque, ma (anche) un racconto sulla fluidità di genere che accompagna la protagonista nella seconda parte della pellicola. Perché quello di Vic è un viaggio alla ricerca dell’affermazione di sé, di una ragazza che aspirava a diventare «normale» e, attraverso esperienze, delusioni ed errori, finisce per capire ciò che non vuole (più) essere. Illuminata dalla fotografia bluastra di Crystel Fournier, Marieme/Vic brilla davanti l’obiettivo della regista che l’osserva cambiare pelle in un film anticipatore di tematiche socio-culturali attualissime. Riscopritelo.

Il film di Céline Sciamma? Lo trovate su CHILI: Diamante nero

Lascia un Commento

Gagarine – Proteggi ciò che ami

Gagarine – Proteggi ciò che ami | Il sogno di un ragazzo, tra banlieue e realismo magico

Un duello a colpi di cinema. Giordano De Plano e Enrico Borello nel nostro Fight Corn