in

Il Lupo e il Leone | Una strana amicizia, il Canada e la storia vera che ha ispirato il film

Gilles de Maistre racconta com’è stato affrontare il set insieme ai due teneri cuccioli

Il Lupo e il Leone, alla scoperta del film
Il Lupo e il Leone, alla scoperta del film

ROMA – Ricordate la magia di Mia e il Leone Bianco? Bene. Dalla stessa produzione, diretta da Gilles de Maistre, ci spostiamo dalle pianure africane alla natura selvaggia e ghiacciata del Canada. E lo facciamo con Il Lupo e il Leone che, appunto, segue il successo del precedente film per famiglie, capace di ottenere un botteghino da record. Ma attenzione, il film in questione non vuole essere un vero e proprio sequel, ma un successore ideale di Mia e il Leone Bianco, in grado di esplorare la passione di Gilles e della sceneggiatrice Prune de Maistre per la protezione del regno animale, e di fornire, al contempo, un’emozionante avventura per famiglie. “Io e Prune siamo appassionati di animali, ecologia e ambiente”, dice de Maistre, che ha iniziato ad ideare il film nel 2018. Già perché De Maistre lavorava con Kevin Richardson, il quale era il responsabile degli animali sul set e della sicurezza di tutto il personale di Mia e il Leone Bianco.

Il Lupo e il Leone, la strana amicizia
Il Lupo e il Leone, la strana amicizia

“Mentre lavoravo al film Mia, sono stato contattato da Andrew Simpson che voleva visitare il set”. dice il regista. Andrew Simpson è un addestratore di animali famoso a livello internazionale per la sua capacità di lavorare con i lupi, e ha ottenenuto grandi riconoscimenti per la serie di HBO, Game of Thrones. Ma di cosa parla Il Lupo e il Leone? Alma, (Molly Kunz), ritorna nella sua casa d’infanzia su un’isola in Canada. Durante il soggiorno salva due cuccioli, un lupo e un leone. Gli animali crescono e si crea un legame indissolubile, ma viene spezzato quando vengono scoperti. Il leone viene catturato e mandato in un circo itinerante, mentre il lupo viene portato in un centro di ricerca sugli animali. Il lupo è deciso a ritrovare suo fratello leone e a riunire la famiglia. Tornati insieme, i due animali intraprendono un’avventura straordinaria, affrontando qualsiasi avversità per ritrovare Alma.

Gilles de Maistre sul set

Tenendo ben focalizzato il benessere degli animali, nella prima fase della produzione, Simpson è tornato nella sua riserva protetta a Calgary in Canada, per iniziare un processo di osservazione, finalizzato a capire se un cucciolo di lupo e uno di leone potevano sviluppare un legame che funzionasse per il film. “Abbiamo lavorato con Andrew prendendo quattro cuccioli di lupo e due di leone, e li abbiamo osservati mentre erano insieme” spiega de Maistre. Il film è stato girato sull’isola di Sacacomie, due ore a nord est del Quebec, riserva naturale abbastanza isolata da garantire la necessaria sicurezza per gli animali. “Abbiamo trovato questa baita sull’isola, che era stata costruita originariamente per un altro film, Secret Window, e abbiamo capito che quella piccola isola sarebbe stata perfetta per la nostra storia” dice de Maistre. “Avevamo bisogno di un luogo tranquillo, un’area vasta per garantire la sicurezza degli animali ed evitare che i curiosi vagassero sul set”.

il lupo e il leone
Molly Kunz insieme ai due cuccioli

Il Lupo e il Leone è stato girato lungo un arco temporale di 36 mesi, così da seguire la crescita del leone in tempo reale. La produzione del film si è articolata su cinque blocchi di riprese, nelle quali il regista e la sua squadra hanno potuto filmare il lupo e il leone mentre crescono insieme, dai primi momenti fino alla giovinezza. “Questo film aveva una difficoltà in più rispetto a Mia” confida de Maistre. “Per lavorare con due animali provenienti da specie diverse, c’è bisogno di tempo per capire”. Già perché per costruire il legame tra i due animali serviva del tempo e la produzione ha dovuto dimostrarsi flessibile per rispondere alle esigenze degli animali. “Abbiamo dovuto costantemente adattare la storia. Non abbiamo mai forzato gli animali. Ogni giorno Andrew preparava gli animali, ma se qualcosa non funzionava, la scena veniva rimandata e ripensata”. Se questo può risultare stressante per molte produzioni cinematografiche, de Maistre crede che in questo stia la bellezza della storia. “Puoi sentire l’emozionante intensità della relazione tra questi due animali, solo guardandoli”. Come dargli torto?

Mia e il Leone Bianco: la storia vera che ha ispirato il film

Qui il trailer de Il Lupo e il Leone:

Lascia un Commento

Un dettalio del poster de L'Ora del Crepuscolo

L’Ora del Crepuscolo e un (ottimo) film che mostra il lato nascosto dell’America

Un dettaglio del poster di Takeaway

Takeaway | Carlotta Antonelli e Libero De Rienzo in un (bel) film sull’imperfezione umana