in

TOP CORN | Widows: Steve McQueen riscrive le regole dell’heist movie con un’opera memorabile

Viola Davis, Elizabeth Debicki e Michelle Rodriguez protagoniste di una rivincita tutta al femminile

Dimenticate Hunger e Shame, la riflessione sul corpo, l’indignazione di 12 Anni Schiavo. Con Widows – Eredità Criminale Steve McQueen vuole parlare dell’America di oggi, quella dove il sogno obamiano di un mondo migliore è inaspettatamente fallito, dove sono e saranno sempre le armi, i soldi, gli inganni, i tradimenti a dettare le regole dei giochi, della vita. Non è un caso che questo adattamento di una miniserie degli anni Ottanta scritta da Lynda La Plante si trasferisca da Londra a Chicago, una delle città simbolo degli Stati Uniti in cui il disagio sociale e razziale è sempre più marcato e rabbioso.

Steve McQueen, Michelle Rodriguez, Viola Davis ed Elizabeth Debicki sul set di Widows.

E questa sceneggiatura, scritta dal regista con Gillian Flynn (L’amore bugiardo, Sharp Objects) ricorda i doppi giochi e le maschere di The Departed, uno dei capolavori di Martin Scorsese, un titolo che come quello di Widows obbliga lo spettatore a relazionarsi subito a un decesso, una scomparsa. La morte non è solo di quattro uomini morti nel corso di una rapina fallimentare, ma quella di un Paese dove istituzioni e criminalità sono ormai in perfetta sintonia e dove le macerie del sogno americano si identificano con lo sbriciolamento dell’ideale di famiglia e di futuro. E l’obiettivo delle quattro vedove protagoniste è, in fin dei conti, quello di sopravvivere, portando avanti il progetto di una nuova rapina che i loro mariti stavano organizzando.

Daniel Kaluuya e Brian Tyree Henry in una scena del film.

Nulla però è davvero come sembra, e le lacrime versate si tramuteranno in orgoglio e rivincita femminile, perché questa banda di rapinatrici capitanate dalla devastata Veronica, interpretata da una furiosa Viola Davis, non si ferma di fronte alla corruzione, alla violenza e alle minacce di una malavita e un malaffare che occupano indistintamente ogni partito e ogni gradino della politica. Widows si rivela così un heist movie che reagisce alla disfatta del capitalismo ma è anche un noir a tutti gli effetti, se intendiamo il genere come il ripristino del bene facendo il male.

Widows
Viola Davis e Colin Farrell in una scena del film.

Due ore e otto minuti che sembrano volare, una quantità industriale di personaggi tutti funzionali a una narrazione serrata, che non concede tregua, che accumula colpi su colpi fin troppo bene assestati allo stomaco. Oltre alla Davis, brillano una dolente Michelle Rodriguez e una irresistibile Elizabeth Debicki, e nella codardia generale della galleria maschile è doveroso menzionare gli scontri padre/figlio tra Robert Duvall e Colin Farrell, candidato sindaco e degno erede criminale per cui questo è il mondo che ci meritiamo. Un film memorabile, che riscrive le regole del genere come fece Heat – La Sfida di Michael Mann ventidue anni fa, una pietra miliare del decennio che sta volgendo al termine.

  • Steve McQueen«Le mie donne reali e la voglia di osare»
  • HOT CORN Tv | Widows: sul set con Steve McQueen
  • Gillian Flynn: «Le mie donne che non concedono il lieto fine»
  • Perché Sharp Objects è già una delle serie dell’anno

Qui potete vedere il trailer di Widows:

Lascia un Commento

Vincent Lindon: «La lotta sociale è necessaria, ma per poter vincere non bisogna aver paura di perdere»

creed 2

HOT CORN Tv | Sylvester Stallone, Michael B. Jordan e la prima di Creed II a New York