in

Il ritorno del western | The Kid, inedito di lusso tra Sam Peckinpah e Ethan Hawke

Vincent D’Onofrio alla regia, Chris Pratt, Dane DeHaan e Hawke per un western da riscoprire

Ethan Hawke e Dane DeHaan: Pat Garrett e Billy The Kid in The Kid.

ROMA – Il western? Non è morto, anzi. L’unico problema di uno dei generi fondatori della storia cinema è che ora non viene quasi mai distribuito al cinema. E se arriva in sala, dura il tempo di un weekend, in barba al vecchio, caro passaparola di un tempo, quando i film li si andava a vedere anche per sentito dire. Eppure, anche in tempi digitali (anzi, forse proprio perché viviamo tempi digitali) le terre di confine, i cavalli e la polvere secca del Far West mantengono intatto tutto il loro fascino. E non bisogna andare troppo indietro con gli anni per trovare un titolo da vedere, immedesimandosi nello sceriffo della città o nel romantico fuorilegge. Perché?

Ethan Hawke e Dane DeHaan in una scena di The Kid.

Perché The Kid, inedito in Italia e appena arrivato su CHILI (lo trovate qui), non ha nemmeno un anno: diretto da Vincent D’Onofrio – alla seconda regia dopo il lontano Don’t Go in the Woods –, il film – per qualità visiva e narrativa – torna a far rivivere non solo la leggenda di Billy the Kid (di cui la pellicola parla), ma soprattutto il selvaggio West da sempre sognato. Davanti a John Ford, a Sergio Leone o Sam Peckinpah. E proprio a loro, D’Onofrio, si rifà, citandoli senza mai copiarli. Così, minuto dopo minuto, il regista ci porta alla riscoperta di una leggenda americana, al suo senso di giustizia, misto alla lealtà, alla vendetta e alla perdita.

Vincent D’Onofrio dirige Chris Pratt e Jake Schur sul set.

Nei western spesso il lutto è il motore che spinge i buoni e i cattivi a diventare schiavi di un mondo tanto selvatico quanto meraviglioso e semplice. Allora The Kid, grazie anche alla sua fotografia sporca (Matthew J. Lloyd) e alla colonna sonora di Latham e Shelby Gaines, ci mette davanti ad un incrocio di attori perfetti per i ruoli. Dane DeHaan, Chris Pratt ed Ethan Hawke, che ritrova l’amico Vincent fin dai tempi di un altro film western, Newton Boys (e c’era Richard Linklater a dirigerli). Non solo, perché sia Hawke che D’Onofrio rincontrano Chris Pratt, dopo la frontiera di Antonie Fuqua e il remake de I Magnifici 7.

Hawke nel ruolo di Pat Garrett in un altro momento di The Kid.

La storia, scritta da Vincent D’Onofrio e Andrew Lanham, ha per protagonista Rio (Jake Schur), in fuga nel Sud degli Stati Uniti per salvare la sorella Sara (Leila George) dallo zio, Grant Cutler (Chris Pratt, in pausa dal giro Marvel). Nel viaggio, il ragazzo – da qui il titolo The Kid, non in riferimento a Billy – incontrerà alcuni dei volti più famosi e leggendari del Far West: Henry McCarty alias Billy The Kid (DeHaan, bravissimo) e lo sceriffo Pat Garrett (Hawke, a suo agio in qualsiasi genere), ritrovandosi a condividere l’ultimo anno di vita di Billy. Scegliendo, alla fine, da quale parte stare, in un’attualizzazione della morale che, nella seconda metà dell’Ottocento, era lasciata solo ai preti di campagna.

Ancora DeHaan in una scena di The Kid.

Perché, tra l’aria ostile e brutale di quell’epoca, in cui gli Stati Uniti stavano nascendo dal sangue, dall’oro e dal ferro, D’Onofrio traccia all’interno del film il dilemma infinito tra giustizia e sbagli, senza mai prendere però una posizione netta. Perché non c’è. Il viaggio di Rio infatti racconta anche che ogni scelta – al di là del bene e del male – è frutto del periodo storico in cui si vive, non si può fare altrimenti. Sta poi a noi guidare la carovana verso un senso comune che porti il mito ad essere emulato, celebrato e raffigurato. E non giustiziato. Nel cinema, nell’arte e nella letteratura. Dunque The Kid ci ricorda proprio questo: le leggende non moriranno mai. Un film assolutamente da riscoprire, perché il West non è mai stato così vicino.

Volete vedere The Kid? Lo trovate su CHILI

  • Qui il trailer:

Lascia un Commento

Sognando a New York - In The Heights

Sognando a New York – In The Heights | In streaming il musical di Lin-Manuel Miranda

taxi driver

Taxi Driver | Robert De Niro, New York e quel sogno allucinato di Martin Scorsese