in

Jerry Lee Lewis, Dennis Quaid e la trasgressione epocale di Great Balls of Fire!

Avete amato Bohemian Rhapsody? Allora dovete riscoprire il biopic su un’altra icona del rock

MILANO – Un giovane diavolo dal ciuffo biondo irrompe nell’America bigotta e perbenista degli anni Cinquanta, illuminato dal fuoco del rhytm’n’blues e trascinato dal furore del rockabilly. Sognando Elvis, punta addirittura a scalzargli la corona. Ma no, perché quella di Jerry Lee Lewis non è la storia zuccherosa di un American Dream che diventa realtà, bensì quella di un irrefrenabile talento che trova davanti a sé un ostacolo troppo grande per ottenere l’approvazione mediatica e raggiungere la vetta. Osceno, oltraggioso, trasgressivo, Jerry è uno dei primi veri idoli pop: adorato dalle ragazzine, contraccambia con baldanza e senza titubanza la passione per il gentil sesso.

Reduce da due matrimoni fallimentari, si innamora della graziosa tredicenne Myra Gale Brown, pazza di lui: si sposeranno di nascosto, ma in Inghilterra lo scandalo comincerà a prendere piede, diffondendosi anche negli Stati Uniti, dove il numero delle vendite dei suoi dischi diminuirà considerevolmente, e Jerry dovrà abbandonare così il sogno di spodestare Elvis. C’è qualcosa che però non si può tenere a freno e non è possibile censurare per sempre: si chiama musica, perché quelle canzoni hanno il merito di resistere ancora e di essere omaggiate, coverizzate, celebrate, dimostrandosi granitiche nonostante gli scandali, le mode, il passare degli anni.

Un’immagine di Great Balls of Fire – Vampate di fuoco.

E oggi Great Balls of Fire! – Vampate di fuoco di Jim McBride continua a essere un biopic frizzante e anticonformista, che racconta un personaggio controverso e inaffidabile, un peccatore dichiarato e mai redento, ma soprattutto un talento che ha obbligato una generazione di musicisti a far ballare le signore per non essere esclusi dai giochi: guardate Jerry e chiedetevi perché bellezza, talento e successo spesso scelgono la cattiva compagnia dell’autodistruzione. Dopotutto, questa è la storia maledetta del rock e delle sue icone senza futuro, delle quali Jerry è uno dei più importanti precursori.

Dennis Quaid e Winona Ryder in una scena del film.

Suona e corre Jerry, infiamma la sala da ballo e se ne frega delle polemiche, disposto a pagare il prezzo salato del declino e della bruciante sconfitta: “se devo andare all’inferno, ci andrò suonando il mio pianoforte”. Un po’ sottovalutato alla sua uscita, nel 1989, il film è inoltre una spettacolare esibizione interpretativa di un travolgente Dennis Quaid e uno dei primi ruoli di Winona Ryder, seducente vergine angelica e tentatrice: due grandi attori che hanno conosciuto la gloria e poi l’hanno perduta, tra arresti, tradimenti e dipendenze. Ma forse, proprio grazie a Great Balls of Fire, sanno bene che se vogliono ballare ancora devono provare a rimanere in piedi fino alla fine.

Lascia un Commento

La fantastica signora Maisel dorme per strada | La solidarietà di Rachel Brosnahan

Wim Wenders: «Submergence, il mio eterno viaggio e un’altra visione del pianeta»