in

HOT CORN Radio | Ennio Morricone in 10 pezzi che (ancora) non conoscete

Leone, Mission, Tornatore? Non solo: ecco 10 brani poco sentiti per ricordare un mito

Ennio Morricone in un celebre ritratto fatto da Claudio Fuiano, titolare della CF Soundtracks.

MILANO – La storia è nota: uno dei più grandi compositori viventi, un uomo capace di segnare decine di pellicole con la sua musica e collaborare tanto con Sergio Leone e Giuseppe Tornatore quanto con Oliver Stone, Quentin Tarantino e John Carpenter, dalla prima colonna sonora scritta nel 1961 per Il federale di Luciano Salce fino all’ultima, per The Canterville Ghost. Per celebrare il Maestro che è scomparso a 91 anni, noi di Hot Corn abbiamo però deciso di compilare una playlist non con i brani più famosi – troppo facile – ma al contrario, proprio con quelli che probabilmente non avete mai sentito, 10 perle che dovete riscoprire e che dimostrano l’infinita qualità di un repertorio inestimabile. Buon ascolto.

L’ULTIMA TROMBA – Da Occhio alla penna (1981)  |  Colonna sonora scritta nei primi anni Ottanta per un western misconosciuto diretto da Michele Lupo con un Bud Spencer insolitamente senza Terence Hill e con una spalla francese: il comico Amidou. Qui Morricone si affida a suoni già usati nei film di Sergio Leone, costruendo il pezzo sulla sua amata tromba.

LA CINA È VICINA – Da La Cina è vicina (1967)  |  Qui siamo in pieni anni Sessanta: dopo il successo con i primi due western di Sergio Leone, Morricone scrive lo score per il secondo film di Marco Bellocchio, per cui già aveva musicato I pugni in tasca.  Ascoltate bene il tema principale, perché da qui vent’anni dopo avrebbe preso ispirazione per i titoli di testa de Gli intoccabili di De Palma.

RED SONJA – Da Yado (1985)  |  Da Roma a Hollywood, dal cinema d’autore di Bellocchio a blockbuster anni Ottanta come Yado. Per chi se lo ricorda era un fantasy di Richard Fleischer con la coppia Arnold Schwarzenegger e Brigitte Nielsen, girato interamente in Italia tra Roma e l’Abruzzo. Il film è stato quasi dimenticato, la colonna sonora invece è da recuperare.

OLD FAMILY SOUVENIRS – Da U- Turn (1997)  |  In pochi lo ricordano, ma tra i molti registi con cui Morricone ha lavorato c’è anche Oliver Stone che lo volle alle fine degli anni Novanta per il suo sottovalutato western moderno con Sean Penn e Jennifer Lopez (e Joaquin Phoenix). Colonna sonora da recuperare, magari partite proprio da questa malinconica Old Family Souvenirs.

VALZER ALL’AMBASCIATA – Da L’attentato (1972)  |  Subito dopo Giù la testa e Sacco e Vanzetti, nel 1972 Morricone accettò la chiamata del regista francese Yves Boisset per una pellicola molto impegnata e ispirata alla vera storia del politico socialista marocchino Mehdi Ben Barka. Cast notevole (Gian Maria Volonté, Jean-Louis Trintignant, Michel Piccoli, Philippe Noiret e la mai dimenticata Jean Seberg) e colonna sonora assolutamente da rivalutare.

SAHARAN DREAM – Da Il segreto del Sahara (1988)  |  Per chi negli anni Ottanta c’era, molto prima di Netflix e dell’ossessione per le serie in digitale, c’erano solo i grandi sceneggiati della RAI la domenica sera, con cast internazionale (qui c’erano Michael York, Ben Kingsley e Andie Mac Dowell) e un respiro totalmente cinematografico. Colonna sonora affidata a Morricone che coinvolse Amii Stewart in questa sorta di C’era una volta in Africa. Indimenticabile.

I BASILISCHI – Da I basilischi (1963)  |  Altra composizione dimenticata dentro un film altrettanto dimenticato, tra le prime colonne sonore firmate da Morricone: I basilischi, opera di debutto di Lina Wertmüller, storia di Francesco, Sergio e Antonio, tre giovani privilegiati che vivono in un paesino di provincia, Minervino Murge, in Puglia, tra apatia e voglia di far nulla.

DEATH OF A DOG – Da Cane bianco (1982)  |  Per uno degli ultimi film diretti da Samuel Fuller e tratto dal libro di Romain Gary, ecco un’altra colonna sonora americana di Morricone, poco o mai citata. Peccato che, per il contenuto considerato razzista (un cane bianco che attacca gli afroamericani), il film venne bandito dagli Stati Uniti.

RAMPAGE – Da Assassino senza colpa? (1987)  |  Gli anni Ottanta di Morricone mescolarono indistintamente film diretti da Carpenter, Leone, De Palma, Verdone, Tinto Brass (La chiave!) nonché il tema de La piovra e quest’opera di William Friedkin. Nel 1987 il regista americano lo volle per il suo Rampage, in Italia diventato poi Assassino senza colpa? e sparito in breve tempo. Il tema però è resistito bene agli anni.

LA TRAGEDIA… – Da La tragedia di un uomo ridicolo (1981)  |  Nel 1964 aveva firmato le musiche per il suo secondo film, Prima della rivoluzione, e nel 1981 ecco Morricone ritrovare Bernardo Bertolucci dopo il successo di Novecento. Altro film poco citato, con un grande Ugo Tognazzi – che vinse a Cannes – e una grande e commovente soundtrack.

Lascia un Commento

dallas buyers club

Dallas Buyers Club | Matthew McConaughey, l’HIV e la storia vera dietro il film

tonya

Tonya | Margot Robbie, Tonya Harding e la storia vera dietro il film