in

Horror Corn: la bellezza da incubo di The Neon Demon

I colori fluo, Elle Fanning e quella passerella rosso sangue: perché il film di Refn è di quelli memorabili

Provocatorio. Attuale. Memorabile. Già da quando, al Festival del Cinema di Cannes, nel 2016, The Neon Demon – distribuito in Italia da Midnight Factory – viene accolto in un modo frastornante, tra fischi, urla e standing ovation. Eppure, nonostante il brusio alzato, Nicolas Winding Refn ha ottenuto proprio ciò che voleva: una discussione, un confronto, un dibattito. Protagonisti algidi, pieni di mistero e senza una vera storia d’origine, ma anche prevedibilmente aggressivi e violenti. Refn pilota consapevolmente lo spettatore verso un mix di controversie, rendendolo capace di giudicare il protagonista solo per ciò che fa, focalizzandolo sull’imminente pericolo, sempre in agguato.

Elle Fanning in una scena di The Neon Demon.

Il regista di Drive, riesce questa volta a scrutare il mondo maschile da un’ottica più opaca e del tutto femminile. Una superba Elle Fanning, interpreta Jessie, astro nascente della moda che dalla provincia si trasferisce a Los Angeles per intraprendere il suo cammino nel firmamento di luci e paillettes. Jessie viene lentamente inghiottita in un mondo senza anima, la moda la possiede, controllandola. Non c’è espressione, non c’è cuore: solo un’atonia che farà diventare le passerelle un’inquetante scenario horror.

Un’immagine del film.

Il personaggio della Fanning non è scritto per essere simpatico, niente con cui empatizzare, eppure l’estrema eleganza dell’attrice dona alla gelida Jessie una credibilità utile per l’evoluzione della figura e della storia stessa. The Neon Demon, infatti, arriva allo spettatore sporco, lussureggiante, ma anche vero, tangibile: la pellicola ipnotizza, ricorrendo a colori fluo, shockando gli occhi con immagini troppo vibranti per essere reali. Si potrebbe paragonare The Neon Demon ad un’allegoria sui vampiri, molti infatti i rimandi al valore del sangue e al colore rosso che fortemente contrasta con il resto della fotografia, tutta, appunto, fluorescente e neon.

Elle Fanning è Jessie, astro nascente della moda, nel film di Refn.

Del resto, The Neon Demon, non è un horror, ma uno dei migliori psicodrammi prodotti negli ultimi anni. Il film non perdona nessuno, si mostra aggressivo in ogni sua forma. Giudica, ma con lo scopo di scuotere le opinioni. Con l’uscita del film, Refn venne pesantemente accusato di misoginia. Ma The Neon Demon misogino non è, anzi. Racconta con estrema condanna ciò che un mondo dominato prevalentemente da uomini riesce ad avviluppare attorno a sé, scatenando così una femminilità esagerata. “La bellezza non è tutto, ma è l’unica cosa che conta”, cita il film. Ma la bellezza genera gelosie e quelle perfette facce da bambola, che nascondono paure, sono pronte a sgretolarsi sotto il peggior incubo.

Horror Corn #1: It Follows e quella metafora di una generazione alienata
Horror Corn #2: La City, i non-morti e quella strana famiglia di London Zombies
Horror Corn #3: Violenza e paura dietro la maschera di Goodnight Mommy
Horror Corn #4: Paura, paranoia e quella spaventosa cena di The Invitation
Horror Corn #5: L’occulto e il pensiero mortale di The Bye Bye Man
Horror Corn #6: Il buio e la mostruosità del quotidiano di Babadook
Horror Corn #7: Il Cannibalismo e l’ideologia patriarcale di The Woman
Horror Corn #8: L’abecedario della morte di The ABCs of Death 2

Lascia un Commento

Wasp Network: Penélope Cruz, Gael García Bernal e Wagner Moura si uniscono al cast del film scritto e diretto da Olivier Assayas

if beale street could talk

TIFF Social: i protagonisti di If Beale Street Could Talk di Barry Jenkins secondo Instagram