in

Box Office: 50 Sfumature in testa, ma Spielberg e Eastwood tengono il podio

Parziale calo al botteghino, con soli tre titoli a superare il milione. Partenza debole per I primitivi

C’era da aspettarselo: in una settimana di incassi in calo – solo tre film hanno superato il milione di euro – a dominare la classifica ci pensa il terzo e (forse) ultimo capitolo del franchise di Cinquanta sfumature. Complice anche la programmazione a tappeto del film, che ha monopolizzato la maggioranza delle sale, Cinquanta Sfumature di Rosso (Universal) nel periodo che va tra il 5 e l’11 febbraio è riuscito ad ottenere 5,9 milioni di euro, con quasi 800 mila biglietti staccati. Al secondo posto, resiste The Post di Spielberg (01 Distribution) che tiene ancora benissimo con quasi 2 milioni di euro e 4,4 totali. Terzo, nuova uscita della settimana, Ore 15:17 – Attacco al Treno (Warner Bros) di Clint Eastwood, che si impone con 1,2 milioni di euro. Sotto il terzetto, calano drasticamente i numeri: Maze Runner – La Rivelazione (Fox) fa 860 mila euro e, ancora nelle parte sinistra della classifica, ecco al quinto posto Sono Tornato (Vision) con 830 mila euro.

Clint Eastwood sul set di Ore 15:17 – Attacco al treno.

Parte bassa, ecco al sesto posto L’uomo sul treno (Eagle) con Liam Neeson, che racimola 570 mila euro, seguito al settimo posto – dopo i buoni risultati della scorsa settimana – da Luca Guadagnino con il suo Chiamami col tuo nome (Warner), che incassa 400 mila euro e si aggira intorno ad un totale pari a 2 milioni abbondanti. Ottava piazza ad un’altra nuova uscita: I Primitivi (Lucky Red), che pur non avendo un diretto concorrente animato, strappa solo 380 mila euro, anticipando il nono posto di Made in Italy (Medusa), in uscita dalla top 10 con 360 mila euro e quasi 4 milioni totali, e il decimo del film rivelazione degli scorsi box office, ovvero L’ora più buia (Universal), ormai al decimo posto, con 320 mila euro e un buon totale di 3,7 milioni di euro.

Lascia un Commento

Streghe: Svelate le protagoniste della serie reboot

Cinema in lutto: la scomparsa di Jóhann Jóhannsson