in

Luna Park | Garbo, dolcezza ed effetto nostalgia per una nuova serie young-adult

Protagoniste dello show Netflix due giovani e promettenti attrici: Simona Tabasco e Lia Grieco

Simona Tabasco e Lia Grieco in Luna Park

ROMA – “Poi, dolce vita che te ne vai sul Lungotevere in festa, concerto di viole e mondanità, profumo tuo di vacanze romane…”, vedendo i sei episodi di Luna Park ci torna in mente il famoso brano dei Matia Bazar che, tra eleganza e malinconia, omaggiava la bellezza di Roma. Perché la serie, rilasciata da Netflix e prodotta da Fandango, con semplicità e passione ci riporta indietro nel tempo, fino a quella Dolce Vita degli Anni Sessanta colorata di pastello, quando il sabato si pranzava in famiglia con l’abito buono e la sera si finiva sulla ruota panoramica delle giostre, sognando quell’amore da favola dolce come lo zucchero filato.

luna park
Simona Tabasco è Nora, Lia Grieco è Rosa

E così Luna Park, creata e scritta da Isabella Aguilar e diretta da Leonardo D’Agostini e Anna Negri, intreccia le storie di Nora, giostraia, e Rosa, ragazza della Roma bene, interpretate rispettivamente da Simona Tabasco e Lia Grieco, altre due attrici che promettono un futuro brillante al cinema e alla serialità italiana. Rosa e Nora non si conoscono, almeno fino a quando un incontro voluto dal caso o dal destino le avvicina, portandole a scoprire di essere sorelle. Dunque la serie, tra misteri, segreti e colpi di scena, farà luce su cosa sia accaduto quando erano ancora bambine, mentre sullo sfondo c’è una Roma viva e pullulante, nel quale si intrecciano amicizie e amori di un gruppo di ragazze e ragazzi alle prese con gli anni più belli e liberi.

Una scena di Luna Park
Una scena di Luna Park

E con Luna Park, garbata e deliziosa, ma dalla forte identità visiva e dallo spirito vocato all’intrattenimento, Netflix prosegue con successo la sua esplorazione del mondo teen e young adult, mettendo sotto la luce le loro paure e i loro desideri, le loro fragilità e le loro forze. Questa volta, però, seguendo quel feel-good che raccontasse un mondo in cui si vorrebbe vivere. Se, come scritto, Simona Tabasco e Lia Grieco sono bravissime nell’essere (in)consapevolmente l’una l’estensione opposta dell’altra, i personaggi e il cast che ruotano attorno a loro rendono lo show trasversale: ci sono Guglielmo Poggi, Alessio Lapice ed Edoardo Coen (faccia d’altri tempi nonostante sia all’esordio, che bravo), oltre alla certezza Ludovica Martino e la maturità di interpreti incredibili come Tommaso Ragno, Lorenza Indovina, Paolo Calabresi e Michele Bevilacqua.

Simona Tabasco, Lia Grieco, Guglielmo Poggi, Alessio Lapice ed Edoardo Coen in Luna Park
Simona Tabasco, Lia Grieco, Guglielmo Poggi, Alessio Lapice ed Edoardo Coen in Luna Park

E orecchio anche alla colonna sonora, che alterna brani dell’epoca come Che Cosa C’è di Gino Paoli o 24000 Baci, ad altri brani fuori dal tempo, dando allo show una prospettiva di pubblico trasversale. A tal proposito, Simona Tabasco, ci ha spiegato che “I personaggi di questa serie sono diversi dalle altre, e credo che il look della serie possa coinvolgere i ragazzi di oggi”, dall’altra parte Lia Grieco ha raccontato che “Nel costruire i personaggi ci siamo interessati al periodo storico, magari vedendo film ambientati negli Anni Sessanta. Oggi molte molte cose non ci appartengono più, ma sia Nora che Rosa, dal punto di vista femminile, sono scritte bene e ci si può riconoscere, creando una connessione con le nuove generazioni”.

  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!

Qui il trailer di Luna Park:

Lascia un Commento

I love Radio Rock e quella rivoluzione da sognare a tutto volume

giancarlo giannini

VIDEO | Giancarlo Giannini: «James Bond, il mio René Mathis e la dedizione di Daniel Craig»