in

Tim Burton: «Dumbo? Un outsider che trova il suo posto nel mondo»

Le emozioni, la sfida, le incognite e la sua famiglia di attori: Hot Corn ha incontrato il regista a L.A.

Eva Green e Tim Burton sul set di Dumbo.

LOS ANGELES – «È buffo perché non sono mai stato un amante del circo» confessa Tim Burton, completo nero e occhiali scuri, quando lo incontriamo al Beverly Hilton di Beverly Hills per parlare del suo Dumbo. E se il connubio tra un regista rinomato per la sua estetica macabra e il marchio Disney può sembrare improbabile, il risultato è nientemeno che spettacolare. Dumbo è un film che entusiasma i bambini e commuove gli adulti, trasportandoli in un immaginario visivo travolgente come solo Tim Burton, autore di classici come Edward Mani di Forbice e Big Fish, riesce a creare. «Però mi piace l’idea del circo» prosegue il regista «trovarsi insieme a un mucchio di altra gente stramba, proveniente da ogni parte del mondo, che non ha un lavoro regolare» e sorridendo indica il cast del film, la sua «famiglia disfunzionale» composta da Colin Farrell, Eva Green, Danny de Vito, Michael Keaton, Finley Hobbins e Nico Parker.

Tim Burton e Michael Keaton sul set di Dumbo.

LA STORIA «Le fiabe della Disney hanno tutte dei simbolismi molto semplici per le emozioni che rappresentano. Mi piace l’idea di un elefante che vola, è un personaggio che non trova il suo posto nel mondo e che, poi, riesce a trasformare il suo svantaggio in un vantaggio. Ma in parallelo c’è anche la vicenda umana, quella di un uomo che ritorna dalla guerra (Holt Farrier interpretato da Colin Farrell, n .d.r.) e si trova senza un braccio, senza moglie e senza lavoro. Anche lui è alla ricerca del suo posto nel mondo, così come gli altri personaggi in Dumbo. Sono delle belle tematiche dipinte in una cornice molto semplice».

Una scena di Dumbo.

LE TEMATICHE  «Ogni famiglia è differente. Io per esempio avrei preferito essere separato dai miei genitori! Scherzi a parte, vedo le cose in maniera più semplice e spirituale perché alla fine si tratta di una fiaba e come ogni grande fiaba si riferisce a concetti che restano veri per la natura umana. È un film d’epoca che tocca diversi temi ma non cercavo di copiare i titoli del notiziario di oggi».

Tim Burton
Il cast di Dumbo alla prima londinese.

LA SFIDA «La cosa strana è che avevamo un cast pazzesco e un set formidabile ma poi ci mancava, fisicamente, il protagonista. Un aspetto davvero snervante perché sai cosa vuoi, sai cosa fare per ottenerlo e puoi anche vedere nell’anteprima l’animazione rozza ma finché non vedi Dumbo materializzarsi nel film, non puoi davvero sapere quale sarà il risultato. Quella è stata la più grande difficoltà e il bello è che, fino a poche settimane fa, quando il film era finalmente pronto, non siamo riusciti a scoprirlo».

Tim Burton e Danny DeVito sul set di Dumbo.

IL CAST «La scelta degli attori? Sono stato influenzato da due fattori. Da un lato mi interessava lavorare con interpreti per me speciali. Colin, Michael, Danny, mi sembra di lavorarci insieme da una vita, abbiamo uno spirito affine. Siamo come una famiglia disfunzionale, proprio come ne esistono nell’industria cinematografica o in un circo e lo spirito del cast per me è significato tantissimo nella realizzazione di Dumbo. Dall’altro lato, poiché si tratta di un film con un elefante strambo come protagonista, da qualche parte della testa avevo in mente che tutti i personaggi dovessero essere un po’ strambi, ma al naturale (indica di nuovo il cast e ride, ndr)!. Sapete, un po’ come alla cena del giorno del Ringraziamento».

  • Leggero come una piuma: Tim Burton riscrive la storia e libera Dumbo
  • HOT CORN Tv | Sul red carpet di Dumbo con Tim Burton e il cast
  • FIRST LOOK | Dumbo: i character poster del live action di Tim Burton

Qui potete vedere il trailer di Dumbo:

[inserisci trailer=’dumbo-trailer-ufficiale-3′ display=’title’]

Lascia un Commento

Da Black Panther a Captain Marvel: i characters poster di Avengers: Endgame

alessandro borghi

Da Alessandro Borghi a Dogman: tutto quello che è successo ai David di Donatello 2019