in

Taxi Driver | Robert De Niro, New York e quel sogno allucinato di Martin Scorsese

8 febbraio 1976, a New York viene presentato il film scritto da Schrader, pilastro del cinema moderno

taxi driver

ROMA – Quando Paul Schrader divorziò dalla moglie, negli anni Settanta, si ritrovò a vivere in macchina. A fargli compagnia An Assassin’s Diary, i diari di Arthur Bremer che, nel 1972, tentò di uccidere George Wallace, candidato democratico alle presidenziali. I deliri di un uomo alienato che, insieme alla letteratura esistenzialista – La nausea di Sartre e Lo straniero di Camus – e l’Ethan Edwards di John Wayne in Sentieri Selvaggi, divennero l’ispirazione per Travis Bickle, il protagonista della sceneggiatura di un film che diventerà uno dei pilastri del cinema moderno: Taxi Driver di Martin Scorsese.

taxi driver
Martin Scorsese e Robert De Niro sul set di Taxi Driver

Presentato la sera dell’8 febbraio 1976 a New York, il film – Palma d’oro a Cannes e 4 nomination agli Oscar – si apre sulle note della melodia languida del sax scritta da Bernard Herrmann – il leggendario compositore morto la notte in cui finì le sessioni di registrazione – per poi passare a inquadrare lo sguardo del protagonista interpretato da Robert De Niro. Ventiseienne, ex marine reduce dal Vietnam, affetto da insonnia cronica, Travis trascorre le notti a guidare un taxi per le strade di New York e le giornate immerso tra le pagine del suo diario e nel buio delle sale di cinema porno. È solo in una città, come ci mostrano le inquadrature di Scorsese, colma di persone, caotica. La sua alienazione si traduce in risentimento che monta fino a diventare odio contro chi reputa responsabile del degrado, dell’ipocrisia e dell’indifferenza che attanagliano New York e l’America.

Robert De Niro è Travis Bickle

A farlo piombare in un delirio criminale il rifiuto di Betsy (Cybill Shepherd), membro dello staff elettorale del senatore candidato alle presidenziali Palantine e la volontà della giovane prostituta Iris (Jodie Foster) di restare con il suo protettore Sport (Harvey Keitel). Travis si trasforma così in un giustiziere pronto a riportare ordine e pulizia in una città corrotta. Sarà lui, deluso da tutti, il «diluvio universale» che ripulirà le strade. La sua divisa è una giacca dell’esercito e un taglio alla Mohawk, il suo Manifesto racchiuso nelle pagine scritte di suo pugno nel diario. Martin Scorsese e Paul Schrader in Taxi Driver fotografano l’America post Vietnam in un noir dalla forte connotazione psicologica con cui raccontano l’abisso dell’animo umano attraverso la parabola di un uomo senza più punti di riferimento.

Jodie Foster, Robert De Niro e Martin Scorsese sul set del film

La fotografia Michael Chapman ci mostra una New York illuminata dai neon delle insegne dei diner aperti h24, tra il rosso e il verde dei semafori da cui Travis osserva il mondo che lo circonda ma dal quale è escluso. A rivederlo oggi, quarantacinque anni dopo, Taxi Driver stupisce per la sua attualità, tra cittadini giustizieri, alienazione, misoginia e razzismo. E ci riporta alla mente più di similitudine con il Joker di Todd Phillips, riprova di come il film di Scorsese, insieme a Re per una notte, sia stato ispirazione fondamentale per il pagliaccio di Gotham City (e non è un caso se il presentatore Murray Franklin sia interpretato proprio da De Niro). Oscuro, violento, sperimentale, sensuale, amaramente ironico, disperato: Taxi Driver è un sogno allucinato, tra movimenti lentissimi e quel repentino sguardo finale di Travis Bickle.

  • Volete vedere Taxi Driver? Lo trovate su CHILI
  • Perché prima di Joker dovreste rivedere Re per una Notte
  • Joaquin Phoenix, Gotham e Frank Sinatra | Perché Joker è un capolavoro
  • Martin Scorsese: «Io, Rossellini, De Sica e quel documentario con Fellini…»
  • Taxi Driver e quell’abbaglio degli Academy

Qui potete ascoltare un brano della colonna sonora del film:

Lascia un Commento

Il ritorno del western | The Kid, inedito di lusso tra Sam Peckinpah e Ethan Hawke

Saul Bass

Tra Hitchcock e Scorsese | Saul Bass: anatomia di un genio