in

Sulle Nuvole | Ma cosa succede se Tommaso Paradiso debutta alla regia?

Dopo Sia, anche Paradiso debutta alla regia con Sulle Nuvole, storia d’amore e di musica

Tommaso Paradiso tra Barbara Ronchi e Marco Cocci sul set di Sulle Nuvole. Foto di Riccardo Ghilardi.
Freshly Popped

ROMA – Che il cinema gli piacesse lo avevamo capito da tempo, più o meno dagli omaggi a Nanni Moretti e Carlo Verdone nel video di Completamente dei suoi Thegiornalisti oppure con il coinvolgimento di nomi come Alessandro Borghi nel video di Questa nostra stupida canzone d’amore e di Enrico Vanzina e Isabella Ferrari ne Non avere paura, senza dimenticare le (molte) citazioni in Dr. House, in cui si spaziava da Sergio Leone e Totò, da Quentin Tarantino a Terence Hill. E allora adesso è ufficiale: dopo Sia, di cui vi avevamo mostrato il trailer del debutto Music con Kate Hudson qui, adesso anche Tommaso Paradiso è pronto per passare dalla musica al cinema con il suo esordio alla regia: Sulle Nuvole, storia d’amore e (ovviamente) di musica.

Sulle Nuvole di Tommaso Paradiso
«Completamente?». Marco Cocci e Barbara Ronchi in Sulle Nuvole. Foto di Riccardo Ghilardi.

Scritto dallo stesso Paradiso con la coppia Chiara Barzini e Luca Infascelli, Sulle Nuvole ruota attorno a Nic Vega (Marco Cocci, musicista da sempre, dai tempi dei Malfunk, sciolti nel 2009, poi anche a Sanremo con Irene Grandi nel 2010), personaggio difficile che ha un passato di successo nella musica, una grande carriera da cantante alle spalle e una storia d’amore chiusa da anni. In crisi da tempo, quando capisce di aver perso ormai tutto – fama, amici e ispirazione – Nic decide di tornare da lei, Francesca (la bravissima Barbara Ronchi, vista in Padrenostro, l’avevamo intervistata qui), irrompendo nella sua vita che però, al contrario, è serena e felice. Basteranno i ricordi a fermare il tempo?

Marco Cocci in un’altra posa di Sulle Nuvole. Foto di Riccardo Ghilardi.

Un film che, a differenza di Sotto il sole di Riccione, produzione Netflix che partiva da una canzone dei Thegiornalisti e in cui era stato coinvolto Tommaso Paradiso – non punta solo a un pubblico under 18, ma anzi, ha già un grande pregio: mostrare un amore adulto, dedicato più ai quarantenni che ai millennials, un amore capace (ancora) di mescolare nostalgia e passioni, tra Crazy Heart (Cocci ricorda vagamente il nostro amato Ryan Bingham), i primi film di Gabriele Muccino (Cocci era ne L’ultimo bacio), Un sogno lungo un giorno di Coppola (cult da rivedere, lo trovate in streaming su CHILI qui) e un pizzico di Sing Street. Il film uscirà in sala durante l’anno, ma – ovviamente – non si sa quando, vista la chiusura dei cinema e una stagione che deve  ancora partire. Una cosa è certa: noi già lo aspettiamo.

  • FRESHLY POPPED | Sia debutta alla regia? Sì, con Music
  • ROCK CORN | Quando il cinema incontra la musica

 

 

 

Lascia un Commento

professor marston & the wonder women

Professor Marston & the Wonder Women: genesi di una supereroina non convenzionale

Rihanna, sogni, Shia LaBeouf | La poesia dei beautiful losers di American Honey