in

Ragazze a Beverly Hills, Alicia Silverstone e un classico che non passa mai di moda

Ispirato a Emma di Jane Austen, il film di Amy Heckerling è una pietra miliare della cultura pop

Ragazze a Beverly Hills

MILANO – Se esistesse davvero, oggi Cher Horowitz sarebbe un’imprenditrice digitale. Bella, bionda, ricca e viziata quanto basta, per fare invidia agli haters e guadagnare piogge di cuoricini dai suoi followers. Ma quando Cher è arrivata sul grande schermo con Ragazze a Beverly Hills – lo trovate su CHILI – era un’altra epoca. Era il 1995. Il mondo era molto diverso, ma l’impatto del film di Amy Heckerling fu virale. Anche senza i social network.

Ragazze a Beverly Hills
Dionne e l’inseparabile Cher, intepretate da Stacey Dash e Alicia Silverstone

Per chi si fosse perso questa pietra miliare della cultura pop – sono passati 25 anni dalla sua uscita in sala -, Ragazze a Beverly Hills è una commedia adolescenziale che racconta la vita sopra le righe dei teenager provenienti dai quartieri alti. La loro leader è Cher Horowitz, una specie di Serena van der Woodsen ante-litteram. Frivola sedicenne, figlia di papà, poco interessata a tutto ciò che non la riguarda. Veste capi all’ultima moda e la sua massima preoccupazione è partecipare alle feste giuste, per mantenere la propria popolarità a scuola. Vorreste prenderla a sberle, ma non lo fate perché Cher ha il volto di Alicia Silverstone, che divenne una star proprio grazie a questo film.

Ragazze a Beverly Hills
Il cast di Ragazze a Beverly Hills

In scena con lei troviamo un giovanissimo Paul Rudd (interpreta John, fratellastro segretamente innamorato di Cher), Donald Faison molto tempo prima di dedicarsi alla chirurgia in Scrubs e la compianta Brittany Murphy, che nel 2003 avrebbe interpretato una “Cher caduta in disgrazia” ne Le ragazze dei quartieri alti. In una divertente giostra di equivoci, amori non corrisposti, buffi cambi look e goffi tentativi di trovare la propria identità, Ragazze a Beverly Hills si ispira ad Emma di Jane Austen (recentemente adattato per cinema), ma riesce a trovare una sua dimensione.

Ragazze a Beverly Hills
Brittany Murphy sul set con Alicia Silverstone e Stacey Dash

Come? Non risparmiando nulla ai suoi protagonisti. Cher e gli altri vengono di fatto presi in giro dalla regista e sceneggiatrice. Il loro slang (il film arrivò in sala con un glossario per capire il gergo degli adolescenti Made in L.A.), gli abiti firmati, i telefonini sempre in mano, la mania del fitness e delle diete ipocaloriche: tutto viene preso e frullato per dare spessore ai protagonisti, che così vengono umanizzati (e mai giudicati) di fronte alla macchina da presa.

Tra i corridori della High School
Tra i corridori della High School

È un trionfo di materialismo, vacuità (il titolo originale è Clueless, inetto) e autoconsapevolezza: i personaggi si meravigliano perché a volte «parlano da adulti», inaugurando un filone che porterà ai dialoghi esistenzialisti di Dawson’s Creek. Si citano il film Gigi, le opere di Monet, gli stilisti in voga e Baldwin, come icona di bellezza maschile. Ma sempre con ironia e intelligenza. Così alla fine ci troviamo a tifare per la frivola Cher che non sa guidare e manca di senso pratico, ma come vorremmo essere lei almeno per una volta! Giusto per sapere cosa si prova ad essere bella, bionda e decisamente iconica.

  • Volete rivedere Ragazze a Beverly Hills? Lo trovate su CHILI
  • Il ritorno di Jane Austen | Tutto quello che dovete sapere su Emma

Qui potete vedere il trailer di Ragazze a Beverly Hills:

Lascia un Commento

Blast Beat

Blast Beat | Arriva in streaming il film candidato al Sundance

Generazione 56K

VIDEO | Generazione 56K: Angelo Spagnoletti e Cristina Cappelli raccontano la serie