in

VIDEO | Andrea Brusa e Marco Scotuzzi raccontano Le voci sole

I due registi raccontano a Hot Corn il film presentato al Taormina Film Fest 68

le voci sole
Andrea Brusa e Marco Scotuzzi

TAORMINA – «Avevamo l’obiettivo di raccontare la storia di due personaggi che sono a distanza. Il protagonista rimane in contatto con la moglie e il figlio tramite videochiamate e messaggi. La fabbrica è diventata per noi un mezzo per raccontare una metafora. L’alienazione in fabbrica di Giovanni è la stessa che accade al personaggio di Rita che diventa inaspettatamente popolare sul web e viene stretta nella morsa di un burattinaio che diventa il pubblico». Andrea Brusa e Marco Scotuzzi raccontano così ad Hot Corn uno degli aspetti più interessanti de Le voci sole, il film presentato in Concorso al Taormina Film Fest 68 – in sala il 4, 5 e 6 luglio – con protagonisti Giovanni Storti e Alessandra Faiella. La storia? Quella di un padre di famiglia costretto a emigrare in Polonia per cercare una nuova occupazione e che resta in contatto con la moglie e il figlio grazie a lunghe videochiamate. Quando una di queste telefonate diventa virale in rete, la coppia raggiunge una popolarità tale da stravolgere le loro vite…

  • Alessio Lauria, Aldo Baglio e Lucia Ocone raccontano Una boccata d’aria
  • Noemi: «Io, tra Lezioni di Piano e il mio ruolo da giurata»
  • Francis Ford Coppola racconta i cinquant’anni de Il Padrino 
  • Ferzan Özpetek: «Le Fate ignoranti e Ferzaneide, il mio one man show»
  • Volete scoprire la sezione HOT CORN TV? La trovate qui

La video intervista per Le voci sole è a cura di Manuela Santacatterina:

Lascia un Commento

Rock e politica? Non solo. Elvis & Nixon e quell’incontro che ha fatto storia…

Eva Longoria

Eva Longoria: «Tell it like a woman e il mio impegno nel supportare le voci delle donne»