in

Il Duello | Woody Harrelson e Liam Hemsowrth in un wester movie da rivalutare

La vendetta, le pallottole e la polvere della frontiera nel Far West di Kieran Darcy-Smith

Il Duello
Il Duello

MILANO – Il duello – By way of Helena non è un recente remake de Il grande duello (il vecchio film con Lee Van Cleef di cui abbiamo già parlato qui), ma il titolo italiano di The Duel, che allude ad una particolare forma di duello in voga nell’ottocentesco sud del Texas (Helena è una cittadina a sud di San Antonio), dove dimostrare il proprio onore battendosi alla vecchia maniera serviva a determinare i confini di influenza tra i clan, o a segnare la supremazia di un capo rispetto ad un altro. Ed è proprio nel corso di una dinamica di questo tipo che il carismatico Abraham Brant (un ottimo Woody Harrelson) ha la meglio sul povero signor Kingston, padre del piccolo David.

Woody Harrelson
Woody Harrelson è Abraham Brant

Dopo questa prima sequenza, il regista australiano Kieran Darcy-Smith (al suo secondo film) ci porta in avanti di ventidue anni, quando l’ex “piccolo” David Kingston è ormai diventato ranger e ha assunto le sembianze di Liam Hemsowrth (la cui recitazione distaccata non lo fa emergere, ma è funzionale al ruolo). Per uno scherzo del destino, la sua prossima missione sarà proprio quella di andare a sorvegliare e indagare le (supposte) malefatte di Abraham Brant, che nel frattempo opera al confine naturale con il Messico (il fiume Rio Bravo), nella cittadina di Monte Hermon di cui è diventato sindaco e mattatore.

Il Duello
Liam Hemsworth è David Kingston

Tra i due si sviluppa una dinamica molto singolare, che va a costruire uno scenario che raccoglie in modo piuttosto originale alcune dinamiche sociali presenti ne Il petroliere, citazioni da Apocalypto (o Senza Tregua con Jean-Claude Van Damme?) e allusioni misticheggianti sulla scia de L’avvocato del diavolo. Il tutto costruito intorno all’interpretazione magistrale e animalesca di Woody Harrelson, che, forse, deve aver riguardato i vecchi appunti sul Marlon Brando di Apocalipse Now per preparare la parte. Da un punto di vista squisitamente western, Il Duello sembrerebbe reggersi in parte su una dinamica generale da revenge-movie.

Una scena de Il Duello
Una scena de Il Duello

David, infatti, non è assetato da una primordiale sete di vendetta, è anzi consapevole degli errori del padre e non considera la sua morte un omicidio, ma un evento inevitabile, dall’esito meritato, di certo in linea con il contesto culturale che lo ha prodotto. A guidarlo nelle sue azioni, lo si vede chiaramente, è solo un altissimo senso della giustizia e del dovere: David vuole solo portare a termine il suo lavoro onestamente e tornare a casa. Sorprendentemente, anzi, il ragazzo è l’unico personaggio che non si fa ingannare da Abraham: non lo crede affatto immortale, non si fa condizionare dai suoi trucchetti, e attraverso il ruolo civile che ricopre (quello di ranger prima, di sceriffo poi) riesce a mettere da parte le sue paure, declassando il fantasma della sua infanzia a semplice criminale da sconfiggere.

Il Duello
A cavallo

Questo avviene perché la lotta tra i due protagonisti, a ben vedere, è una lotta tra legge e arbitrio, tra ragione e superstizione, tra il razzismo istintivo di chi si diverte ad ammazzare i messicani al confine e una comunità che non vede più nello straniero il nemico, ma un individuo con cui poter dialogare e convivere. E la sconfitta di Abraham segna il superamento di una generazione, e lo scontro è solo il canto del cigno di un modello sociale pre-illuminista e, dunque, ormai totalmente fuori dal tempo: un residuo bellico sopravvissuto, ma la cui esistenza non può più essere tollerata e le cui ritualità tribali appaiono barbare e incivili. A trionfare, la nuova e consolidata Unione Americana, perfettamente incarnata nella fisicità del nostro ranger-eroe, che finalmente ha trovato la forza morale e fisica di ricostruire se stessa su nuove basi.

  • Volete (ri)vedere Il Duello? Lo trovate su CHILI

Appassionati di Western? Ecco la nostra rubrica WestCorn

Lascia un Commento

Favolacce

Favolacce | Arriva in streaming il film dei Fratelli D’Innocenzo

Favolacce

Favolacce | La fiaba amara sull’Italia dei fratelli D’Innocenzo