in

Da Oltre il giardino a Benjamin Button: 10 interpretazioni che avrebbero dovuto vincere l’Oscar

Errori, sbagli e dimenticanze: quante volte l’Academy ha premiato l’attore sbagliato? Tante

In attesa della lunga Notte degli Oscar, aspettando vincitori e vinti, ecco qui un’altra puntata del nostro viaggio nelle grandi esclusioni: dei grandi film dimenticati abbiamo già parlato qui, quindi in questa seconda parte andremo a scavare negli archivi dell’Academy per scoprire quali attori non hanno vinto l’Oscar come miglior attore proprio nell’anno in cui lo avrebbero meritato.

#1 Richard Burton – La Tunica, 1954

Ben 7 nomination in ventiquattro anni, eppure nessun Oscar: un vero e proprio caso quello di Richard Burton, che non vinse mai la statuetta. Tra i film che gli valsero almeno la Nomination ricordiamo Becket e il suo re, 1965, Chi ha paura di Virginia Wolf?, 1966, Equus, 1978.

#2 Peter Sellers – Oltre il giardino, 1980

Peter Sellers, Peter O'Toole e Richard Burton hanno in comune molte cose: l'essere stati ottimi attori, essere tutti e tre in lizza per lo stesso premio nel 1965 (O'Toole e Burton perfino con lo stesso film, Becket e il suo re), ma soprattutto non aver mai vinto un Oscar come Migliore Attore. Nel 1965 Sellers fu battuto da Rex Harrison per My Fair Lady, ma l'Oscar mancato è quello del 1980 per Oltre il giardino, sconfitto da Dustin Hoffman per Kramer contro Kramer.

#3 Dustin Hoffman – Il laureato, 1968

Il film cult di una generazione vinse il solo premio alla regia a Mike Nichols, ma non fu lo stesso per un giovanissimo Dustin Hoffman. Effettivamente, la cinquina era piuttosto agguerrita: con Hoffman c'erano Paul Newman con Nick Mano fredda, Spencer Tracy con Indovina chi viene a cena? e Warren Beatty con Gangster Story. Ad aver la meglio fu Rod Steiger, con La calda notte dell'ispettore Tibbs.

#4 Marlon Brando – Ultimo tango a Parigi, 1974

Beh, in questo caso diciamo che la scelta non sembra così shockante come in altri casi, considerando soprattutto il pandemonio che ci fu prima, dopo e durante l'uscita di Ultimo tango. Nonostante questo, Brando ebbe comunque una nomination, insieme a Jack Nicholson con L'ultima corvè, Robert Redford per La Stangata, Al Pacino per Serpico e Jack Lemmon, vincitore di quell'anno, per Salvate la tigre.

#5 Marcello Mastroianni – Una giornata particolare, 1978

Ettore Scola dirige magistralmente Marcello Mastroianni e Sophia Loren nel film che vincerà il Golden Globe come Miglior Film Straniero quell'anno. Con Mastroianni, in lizza c'erano anche Woody Allen per Io e Annie, Richard Burton per Equus, John Travolta per La febbre del sabato sera e il vincitore Richard Dreyfuss per Goodbye amore mio!

#6 Ralph Fiennes – Il paziente inglese, 1997

Il film di Anthony Minghella vinse praticamente tutto: regia, film, fotografia, sceneggiatura, montaggio, costumi... Eppure, sia Ralph Fiennes che Kristin Scott Thomas non vinsero l'Oscar. Sbaragliando anche Tom Cruise con Jerry Maguire, Billy Bob Thornton con Lama tagliente, Woody Harrelson con Larry Flint - Oltre lo scandalo fu Geoffrey Rush con Shine.

#7 Edward Norton – American History X, 1999

American History X è diventato un cult, pur non ricevendo lodi né dalla critica né dall'Academy. L'unica nomination fu infatti solo per l'immensa interpretazione di Edward Norton, che combatteva con giganti del calibro di Ian McKellen con Demoni e dei, Nick Nolte con Affliction e Tom Hanks per Salvate il Soldato Ryan. A vincere l'Oscar fu Roberto Benigni per La vita è bella.

#8 Bill Murray – Lost in translation, 2004

Bill Murray è uno di quei casi in cui si ha un po' l'effetto Mandela: sei sicuro che abbia vinto almeno un Oscar, e invece non ne ha vinto nessuno, nemmeno per il gioiellino di Sofia Coppola. Agguerrita anche questa cinquina: Ben Kingsleyy per La casa di sabbia e nevvia, Jude Law per Ritorno a Cold Mountain e Johnny Depp con Pirati dei Caraibi: La Maledizione della Prima Luna. A portarsi a casa la statuetta però fu Sean Penn per Mystic River.

#9 Brad Pitt – Il curioso caso di Benjamin Button, 2009

Brad Pitt ha avuto due nomination all'Oscar come Migliore Attore, eppure è riuscito a vincere la statuetta solo come produttore di 12 anni schiavo. Anche in questo caso fu Sean Penn a vincere l'Oscar per Milk, battendo non solo Pitt ma anche Mickey Rourke per The Wrestler, Richard Jenkins per L'ospite inatteso e Frank Langella per Frost/Nixon - il duello

#10 Gary Oldman – La talpa, 2012

Quella del 2012 è stata la prima e, fino a quest'anno, unica nomination per Gary Oldman. A vincere l'Oscar fu Jean Dujardin per The Artist di Michel Hazanavicius. Riuscirà quest'anno Oldman a battere Timothèe Chalamet - Chiamami col tuo nome -, Daniel Day Lewis - Il filo nascosto - Daniel Kaluuya - Get out - e Denzel Washington - Roman J. Israel, Esq -? Sarebbe ora...

Lascia un Commento

The Big Bang Theory: Sheldon e Amy stanno per sposarsi

Auguri Kubrick: 2001: Odissea nello spazio compie cinquant’anni