in

AVPSummit | Letteratura, adattamenti e podcast: come sta cambiando il mercato?

Vince Gerardis, Anne Thomopoulos, Matilde Bernabei e Alexandra August protagonisti a Matera

avpsummit

MATERA – Da sempre cinema e televisione sono stati attratti dalla letteratura come fonte per adattamenti destinati al grande e piccolo schermo. Eppure, complice la rivoluzione apportata negli ultimi dieci anni dalle piattaforme e da nuovi modelli di business questo legame è andato rafforzandosi sempre di più finendo per attrarre anche realtà attualissime come quella dei podcast. All’Audio-Visual Producers Summit di Matera ne hanno parlato alcuni tra i più importanti player del settore nazionale e internazionale – Vince Gerardis, fondatore e CEO di C.I.A.O, Anne Thomopoulos, partner di Legendary Global, Matilde Bernabei, Presidente di Lux Vide e Alexandra August, Podcast Producer di Skybound – nel panel Literary and other adaptations, current trends and emerging business models.

AVPSummit
Un momento del panel all’AVPSummit

«Con la Created By, società nata nel 1998, abbiamo creato una biblioteca specializzata in fantasy e fantascienza trattando autori come Stephen King e George R.R. Martin. Ci siamo concentrati a produrre prodotti sviluppati internamente da vendere poi sul mercato. Prima di riuscire a vendere Il Trono di Spade abbiamo lavorato a 500 accordi», ha raccontato Vince Gerardis, «Il fantasy e la fantascienza non era ancora riconosciute come importante motore di sviluppo nel settore mentre ora stiamo lavorando a House of Dragons. Il trono di Spade è stato il primo high fantasy. Dopo ne sono stati lanciati molti altri. Ogni volta che nascono dei fenomeni ci sono serie che copiano l’originale e danno vita a sottogeneri. Ma le persone oggi riconoscono l’originalità».

AVPSummit
Matilde Bernabei all’AVPSummit

La grande esplosione della serialità ha portato alla nascita di collaborazioni tra realtà nazionali e internazionali. Ne sono un esempio I Medici e Leonardo, due delle produzioni di punta tardate Lux Vide. «Con I Medici e Leonardo siamo stati capaci di vendere l’immagine dell’Italia all’estero. Dei mecenati hanno pagato degli artisti per creare un nuovo mondo e sono stati dei veri e propri pionieri che hanno inventato il concetto di pubblicità. 700 anni dopo, quello che hanno fatto resta ancora oggi. Per I Medici ci piaceva l’idea di raccontare la storia di una famiglia di imprenditori che ha lasciato un patrimonio artistico», sottolinea Matilde Bernabei, «La nostra sfida più grande è stata quella di trovate un equilibro tra l’elemento nazionale e internazionale. Con Leonardo abbiamo dato vita a un’alleanza europea tra emittenti TV pubbliche per un progetto molto importante venduto in 100 paesi. E per il futuro anche agli Stati Uniti».

AVPSummit
Vince Gerardis, Anne Thomopoulos, Matilde Bernabei e Alexandra August all’AVPSummit

Ma la narrazione seriale oggi non si limita più solo al piccolo schermo e alle piattaforme streaming. Gli ultimi anni hanno visto la crescita esponenziale dei podcast come mezzo attraverso cui veicolare nuove storie e adattamenti. «Il podcast è un mezzo molto intimista. Se guardo allo script più sono contenuti sia il cast che la location, più quel determinato podcast avrà successo», ha dichiarato Alexandra August, «L’elemento umano è molto importante, ma le storie devono essere agili e non bisogna stancare l’ascoltatore».

  • Roberto Stabile: «L’Audio-Visual Producers Summit, 007 e il futuro della sala»
  • Sandra Stern: «Presente e futuro della serialità, tra idee globali e locali»
  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!
  • Janet Yang: «La rivoluzione della diversità e lo sguardo femminile»
  • Cinema e clima: la Green Task Force di Lydia Dean Pilcher e Katie Carpenter

Lascia un Commento

Kurt Russell e quello strano western splatter che si chiama Bone Tomahawk

Benedetta | Il genio di Paul Verhoeven e un film che fa (già) discutere