in

Toy Story 4 | Woody, Forky e il ritorno di Bo Peep: le prime scene del film raccontate in anteprima

Hot Corn è stato alla presentazione delle prime sequenze inedite del nuovo film Disney·Pixar

Woody, Forky, Bo Peep, Buzz e il resto della banda di giocattoli di Toy Story 4

MILANO – «Perché tornare con un nuovo film? Perché Toy Story 3 è solo la fine della storia di Andy e non di Woody che, invece, ha ancora molto da dire. C’è qualcosa di speciale nel lavorare a Toy Story. Sentiamo una responsabilità maggiore: è il nostro Mickey Mouse». È la domanda che si sono posti in molti quando la Disney·Pixar ha annunciato la produzione di Toy Story 4 dopo quel finale perfetto in cui Woody (Tom Hanks), Buzz (Tim Allen) e gli altri giocattoli, dal patio della casa della loro nuova bambina Bonnie, vedevano allontanarsi in macchina Andy, orami pronto per il college.

Toy Story 4: una scena del film Disney·Pixar
Woody, Buzz e le new entry di Toy Story 4 Ducky e Bunny

A questa e a molte altre domande ha risposto Jonas Rivera, produttore esecutivo del film arrivato a Milano lo scorso 12 marzo per presentare venti minuti di footage esclusivo di Toy Story 4, nelle nostre sale dal 26 giugno. «Il film è per noi. Alla Pixar ci comportiamo come dei bambini ma siamo anche dei cinefili. Non pensiamo a fare un film per bambini. Certo, vogliamo vengano visti dalle famiglie e che tutto quello che facciamo piaccia al pubblico. Toy Story 4 ha dei toni noir e cupi ma c’è anche tanto humor. Ho usato i miei figli di 7, 10 e 13 anni per testare quello che creavamo. Sono loro il mio riferimento».

Toy Story 4: una scena del film Disney·Pixar
Una dei nuovi personaggi di Toy Story 4: Gaby Gaby

Ambientato poco dopo gli avvenimenti del capitolo precedente, Toy Story 4 ci mostra la nuova vita dei giocattoli ormai di proprietà di Bonnie. Woody, un tempo il preferito sia di Andy che della bambina, ora rimane spesso nell’armadio a prendere polvere. Inquieto e preoccupato, lo sceriffo di pezza vede una possibilità di riscatto nell’aiutare Bonnie ad affrontare il suo primo giorno d’asilo. «Quando abbiamo iniziato a lavorare a Toy Story 4 ci siamo detti che potevamo andare avanti solo se c’era una motivazione forte. Anche perché il finale del terzo capitolo era bellissimo» ha sottolineato Rivera tra una scena e l’altra mostrataci in anteprima.

Toy Story 4: una scena del film Disney·Pixar
Woody, Bo Peep e la piccola Giggle McDimples in una scena di Toy Story 4

E tra flashback e presente, questo quarto capitolo promette di essere all’altezza dei precedenti. Tecnologicamente impressionate per il livello di qualità raggiunto, il film – nei venti minuti che abbiamo potuto vedere – è un’insieme di humor e cuore, avvenuta e tenerezza, omaggi e fantasia. Ricchissimo di new entry tratteggiate alla perfezione – «La prima cosa da cui siamo partiti sono i personaggi e le loro caratteristiche» Toy Story 4 ha il sapore della ripartenza e il retrogusto della nostalgia. «Abbiamo preso qualcosa da ogni film Pixar, la pellicola è la madre degli Ester Eggs», confessa il produttore Premio Oscar che ha introdotto singolarmente i nuovi protagonisti.

Toy Story 4: una scena del film Disney·Pixar
Woody presenta Forky al resto dei giocattoli in una scena di Toy Story 4

A partire da Forky (Tony Hale), giocattolo fatto a mano da Bonnie durante il suo primo giorno d’asilo che crede di essere spazzatura – «L’idea viene dal fatto che spesso i bambini preferiscono giocare con la scatola invece del nuovo regalo. Il più grande insulto del mondo per un giocattolo» – per passare all’entusiasta Giggle McDimples (Ally Maki) e il suo completo da poliziotta, agli irresistibili Ducky (Keegan-Michael Key) e Bunny (Jordan Peele), un coniglietto e un pulcino di peluche attaccati per la zampa, all’action figure canadese Duke Kaboom (Keanu Reeves) sempre in sella alla sua moto per arrivare a Gaby Gaby (Christina Hendricks) – «È una bambola vintage che vive in un negozio d’antiquariato. Si sente come la protagonista di Sunset Boulevard» – fino al ritorno di Bo Beep (Annie Potts).

Toy Story 4: una scena del film Disney·Pixar
Woody, Bo Peep e Duke Kaboom in Toy Story 4

E quello della pastorella di porcellana è il personaggio che più di tutti vi stupirà – «Non sta più sullo scaffale a prendere polvere. È cambiato come si veste, come cammina, come si muove e anche la sua visione del mondo è mutata» – e scoprirete cosa ha fatto e dove è stata in tutti gli anni in cui Woody si è preso cura del suo Andy. «Quando abbiamo ideato la nuova Bo Peep alla Pixar c’era un gruppo di grandi donne che chiamavano “Team Bo”. Ci hanno cacciato dalla sala e hanno pensato a come doveva essere il suo cambiamento. Abbiamo evitato gli stereotipi: è un personaggio deciso, forte. Ma doveva anche essere riconoscibili rispetto al passato».

  • Qui sotto potete vedere la nostra intervista a Jonas Rivera su Toy Story 4:

Lascia un Commento

Chiedi chi era Howard the Duck: quel papero Marvel in quel film tutto Anni Ottanta

Vanessa Gravina e Il piacere dell’onestà: «Il mio teatro, in bilico tra Liliana Cavani e Pirandello»