in

Dai Rolling Stones a Judas and the Black Messiah | La playlist di Hot Corn

Tutto il meglio ascoltato questa settimana dalla redazione di Hot Corn, tra film e serie tv

playlist

FIGHT FOR YOU – H.E.R.. Da Judas and the Black Messiah. Diretto da Shaka King e candidato agli Oscar come Miglior Film, Judas and the Black Messiah arriverà su CHILI il 9 aprile ma noi di Hot Corn abbiamo potuto vederlo in anteprima. Nella pellicola Daniel Kaluuya interpreta il giovane leader delle Pantere Nere, Fred Hampton. Craig Harris e Mark Isham hanno firmato la colonna sonora, ma in redazione abbiamo deciso di inserire nella nostra playlist il brano (noninato agli Oscar) che chiude il film, Fight for You, di H.E.R.

GREEN – Abraham Marder. Da Sound of Metal. Rimaniamo in zona Oscar. Già perché il film di Darius Marder con protagonista una grande Riz Ahmed nei panni di un batterista che perde l’udito è stata una delle grandi sorprese che ha caratterizzato le nomination dei quest’anno. Qui sotto potete ascoltare il brano di Abraham Marder – che firma anche la sceneggiatura e lo score – scelto per accompagnare l’emozionante finale del film.

BROTHERS – Lorne Balfe. Da Jungleland. Max Winkler si era già fatto notare con Ceremony e Flower. Ora torna con un nuovo film – lo trovate su CHILI – in cui racconta il viaggio on the road di due fratelli – Charlie Hunnam e Jack O’Connell – alla ricerca disperata di un’occasione per cambiare le loro vite. Abbiamo scelto per la nostra playlist uno dei brani dello score scritto da Lorne Balfe, storico collaboratore di Hans Zimmer, autore anche delle musiche dell’atteso Black Widow.

TOXIC – Anthony Willis. Da Promising Young Woman. Lo ammettiamo. Avevamo scelto un altro brano della colonna sonora di Una donna promettente, film rivelazione di Emerald Fennell con protagonista una vendicativa Carey Mulligan. Ma alla fine non abbiamo saputo resistere all’arrangiamento per archi di Toxic di Britney Spears, uno dei brani pop più belli degli anni Duemila qui in una versione sorprendentemente inedita.

DISTANTE INSTANTE – Rodrigo González. Da Mi stai ammazzando, Susanna. Altra posizione della nostra playlist, altro brano. Ci spostiamo in Messico grazie alla dramedy di Roberto Sneider – la trovate su CHILI – con Gael García Bernal e Verónica Echegui, coppia scoppiata che si insegue tra Stati Uniti e Sud America. Tra i brani della colonna sonora abbiamo scelto la ballad di Rodrigo González, meglio conosciuto come Rockdrigo, leggenda del rock messicano.

GENTLEMAN JACK – O’Hooley & Todow. Da Gentleman Jack. Di Anne Lister, proprietaria terriera, imprenditrice, alpinista nonché “prima lesbica moderna” protagonista della serie – disponibile su Sky – ideata da Sally Wainwright ve ne avevamo parlato qui. Nella nostra playlist invece, vi lasciamo ascoltare il brano che accompagna la sigla intonato dal duo folk dello Yorkshire, O’Hooley e Todow.

SYMPATHY FOR THE DEVIL – The Rolling Stones. Da Sympathy for the Devil. I Rolling Stones visti da Jean-Luc Godard? Potrebbe sembrare un accostamento azzardato, ce ne rendiamo conto, ma è tutto vero. Nel 1976 il regista simbolo della Nouvelle Vague firmò un documentario – lo trovate gratis su CHILI – in cui immortalò le sedute di registrazione di Sympathy for the Devil, brano contenuto in Beggar’s Banquet.

ZERO – Mahmood. Da Zero. Netflix ha rilasciato il trailer di Zero, serie in arrivo il 21 Aprile, che racconta la storia di un timido ragazzo di un quartiere della periferia milanese con uno straordinario superpotere, diventare invisibile. Uno dei brani originali della colonna sonora è firmato da Mahmood, anche music supervisor dell’episodio finale…

TO DEEP THROAT – David Shire. Da Tutti gli uomini del Presidente. 4 aprile 1976: al Kennedy Center di Washington, viene presentato Tutti gli uomini del Presidente. Il film diretto da Alan J. Pakula e incentrato sulle indagini dei giornalisti del Washington Post, Bob Woodward e Carl Bernstein, che contribuirono alle dimissioni di Nixon e allo scoppio della scandalo Watergate. Noi di Hot Corn abbiamo rivisto il film (trovate la nostra Revisione qui) e deciso di inserire nella nostra playlist uno dei brani della colonna sonora firmata da David Shire.

JUMP INTO THE FIRE – Harry Nilsson. Da The Serpent. La mini-serie Netflix con Tahar Rahim nei panni di Charles Sobhraj, serial killer sulla rotta degli hippy (vi abbiamo raccontato la sua storia vera qui) è ricchissima di musica. Per chiudere la nostra playlist abbiamo scelto il rock di Harry Nilsson e la sua Jump into the Fire, brano del 1971 e secondo singolo estratto dall’album Nilsson Schmilsson.

Lascia un Commento

Il Grinta

Il Grinta, il western reazionario di John Wayne e la fine di un’epoca

il sindaco del rione sanità

Il Sindaco del Rione Sanità, Mario Martone e l’opera senza tempo di Eduardo De Filippo