in

Il Raggio Verde, la leggiadria dei sentimenti e il cinema libero di Éric Rohmer

Un vecchio film datato oppure un’opera ancora moderna? Abbiamo rivisto Il Raggio Verde per voi

Revisioni

Partiamo con una domanda: cos’è esattamente il raggio verde? È l’ultimo sospiro del sole che tramonta sul mare, emesso dalla luce solare mediante il fenomeno ottico della rifrazione, la cui visione, romanticamente, permette di leggere nei propri sentimenti e in quelli altrui. Ma, quel fenomeno naturale, è anche un film, Leone d’Oro alla Mostra di Venezia nel 1986, Il Raggio Verde, che trae diretta ispirazione dall’omonimo romanzo di Jules Verne del 1882. Quinto capitolo del ciclo di sei film diretto da Éric Rohmer – denominato Commedie e Proverbi – rivista oggi l’opera cattura la quotidianità in ogni sua diramazione, evitando scientemente di manipolare il film con la bellezza artificiale della finzione.

il-raggio-verde-7
Il raggio verde, a cavallo del tramonto, ripreso da Rohmer nel film.

Ma andiamo con ordine: Delphine (Marie Rivière), intrappolata in un’esistenza infelice, vaga priva di una meta tra una destinazione e l’altra, senza riuscire a trovare il proprio equilibrio esistenziale. Rohmer scandaglia con lucidità la sua solitudine, il senso di smarrimento dinanzi alla realtà e al vuoto di un individuo incapace di sentirsi compreso. Scritta dal regista in collaborazione proprio con la Rivière, la sceneggiatura lascia ampi spazi all’improvvisazione degli attori, tanto che la protagonista dichiarò di aver avuto la totale libertà di esprimersi, facendo largo utilizzo di espressioni personali, affatto non in linea con il canovaccio prestabilito.

il-raggio-verde2
Una scena de Il Raggio Verde.

Ma cosa colpisce a più di trent’anni di distanza de Il Raggio Verde? La natura quasi amatoriale delle riprese, con le fotografia a tinte scolorite e le inquadrature a mano, capaci di conferire all’opera la struttura di un diario scandito giorno per giorno (da lunedì 2 luglio a sabato 4 agosto). Delphine sceglie di vivere «seguendo un ideale, anzichè adattandosi ad una mediocre realtà» perdendo così ogni speranza. Poi l’incontro con una ragazza svedese, disinibita e risoluta, che proverà a riaccendere l’erotismo e la curiosità di Delphine, depressa per la fine della relazione con Jean-Pierre.  

il-raggio-verde-3
La fotografia, ‘used’, de Il Raggio Verde.

Il lascito di Rohmer nel cinema di oggi è evidente in autori conteporanei come Abdellatif Kechiche – impossibile non pensare a Mektoub my Love: Canto Uno – e continua ad esercitare grande fascino persino agli occhi di uno spettatore contemporaneo, contaminato da ben altre visioni. E ciò che più funziona nel metodo indagatore rohmeriano è la sensibilità con cui mette in scena i propri personaggi, la leggiadria con cui i sentimenti si librano nell’aria, verso l’orizzonte in cui il sole cala al tramonto. Minimalista, fragile, ai limiti del cinéma vérité, un autentico gioiello del cinema francese. Da recuperare assolutamente.  

E voi avete qualche titolo che vorreste leggere tra le Revisioni di Hot Corn? Nessun problema, scrivete a press@hotcorn.com e attendete fiduciosi

Ah, e trovate le altre Revisioni di Hot Corn proprio qui.

Lascia un Commento

La strana reunion: Jeff Bridges, John Goodman e Steve Buscemi celebrano Il Grande Lebowski

Treno di parole: Silvio Soldini alla scoperta della poesia di Raffaello Baldini