in

Oscar 2020 | Scarlett, Renée o Charlize: chi vincerà la statuetta come migliore attrice?

Dalla Judy della Zellweger alla rivelazione Awkwafina: quali potrebbero essere le nomination?

Sfida a tre: Scarlett Johansson, Renée Zellweger e Charlize Theron.

MILANO – Pensate che la corsa all’Oscar per il miglior attore sia ormai un testa a testa già scritto fra Joaquin Phoenix con il suo Joker e gli ex bravi ragazzi di Scorsese? Allora non disperate, perché a regalarci parecchie sorprese potrebbero essere le loro colleghe a caccia dell’ambitissima statuetta. E anche se la cerimonia degli Academy è ancora lontana (l’appuntamento è fissato per il 9 febbraio), noi di Hot Corn abbiamo deciso di lanciarci in qualche previsione sui nomi delle future candidate. Preparate a scommettere, perché potremo azzeccarci.

Renée Zellweger in una scena di Judy
Renée Zellweger in una scena di Judy

Renée Zellweger ha ottime probabilità di successo: il suo Judy riporta sul grande schermo la mitica Garland, una diva di Hollywood tormentata e ancora amatissima, celebre per i suoi successi ma anche per la sua tragica fine. Se la strada tracciata lo scorso anno da Rami Malek non ci inganna, l’ex Bridget Jones potrebbe conquistare il giusto riconoscimento per la sua eccezionale interpretazione, riscattando anche gli ultimi anni non esattamente brillanti della sua carriera.

Marriage Story
Adam Driver, il piccolo Azhy Robertson e Scarlett Johansson in una scena di Marriage Story

A tallonare da vicino Zellweger potremmo però trovare un trio molto agguerrito: Saoirse Ronan, Scarlett Johansson e Charlize Theron. Tutto dipenderà dalla sensibilità dei giurati: meglio premiare la nuova Jo March di Piccole Donne (Ricordate? La coppia Ronan & Gerwig ha già sfiorato la vittoria con Lady Bird)? Oppure si darà risalto all’interpretazione piena di sfaccettature della Johansson in Marriage Story? E se invece si volesse lanciare un (altro) segnale forte nell’epoca del MeToo?

Charlize Theron
Charlize Theron interpreta la giornalista Megyn Kelly in Bombshell

Allora le quotazioni della Theron potrebbero salire alle stelle, vista la sua straordinaria capacità di mimetizzarsi nei panni di Megyn Kelly, fra le grandi accusatrici del potentissimo chairman di Fox News, Roger Ailes, al centro dello scandalo sessuale raccontato in Bombshell. Ma se i boicottaggi e le polemiche per gli #Oscarsowhite degli scorsi anni hanno lasciato il segno, allora la rosa della candidature potrebbe aprirsi ad altre attrici.

Harriet
Cynthia Erivo nel biopic Harriet

C’è Cynthia Erivo che, abbandonati i panni da coraggiosa rapinatrice di Widows – Eredità criminale, ha indossato abiti tardo ottocenteschi per Harriet, il biopic dedicato all’attivista Harriet Tubman che lottò contro la schiavitù e si spese per i diritti delle donne. Non bisogna poi dimenticare l’inquietante doppia prova di Lupita Nyong’o nell’horror più politico dell’anno, Noi.

Awkwafina
Zhao Shuzhen e Awkwafina nel film The Farewell – Una bugia buona

Attenzione anche ad Alfre Woodard, tormentata guardia carceraria nel braccio della morte in Clemency (primo film diretto da un afroamericano a vincere il Gran premio della giuria: U.S. Dramatic al Sundance). Ma chi potrebbe veramente sparigliare le carte è Awkwafina. Dopo alcuni ruoli brillanti l’ex rapper votata alla recitazione è passata al drammatico The Farewell – Una bugia buona con risultati sorprendenti. Sarà lei a trionfare? I bookmakers sono allertati…

  • Judy, il biopic con una grande Renée Zellweger
  • Scarlett Johansson: «Marriage Story, quando l’amore non basta»
  • Piccole Donne, il remake di Greta Gerwig con Saoirse Ronan

Lascia un Commento

Ettore Scola

Chiamiamo il Babbo | Ettore Scola, un libro e un padre che tutti sognano di avere

Taika Waititi: «JoJo Rabbit? La commedia come arma contro l’intolleranza»