in

Elegia americana, le speranze tradite e il dramma familiare di Ron Howard

Amy Adams e Glenn Close trainano il film targato Netflix ispirato alla storia vera di J.D. Vance

elegia americana

ROMA – Hillbilly è un termine dalla doppia valenza. Da un lato rappresenta quei gruppi di persone che vivono in modo indipendente resistendo alla modernizzazione della società. Dall’altro è l’espressione dispregiativa usata per dipingere le persone che vivono nelle aree rurali e montuose degli Stati Uniti. Nel 2016 J.D. Vance intitolò il suo libro di memorie Hillbilly Elegy che più o meno suona come Elegia degli stupidi della montagna. Ora quell’autobiografia è diventata un film, Elegia americana, diretto da Ron Howard e disponibile su Netflix. Una produzione di prestigio con protagoniste Glenn Close e Amy Adams in odore di nomination agli Oscar.

elegia americana
Amy Adams in una scena di Elegia americana

Sceneggiato da Vanessa Taylor, Elegia americana è ispirato alla storia vera di J.D. Vance che da ragazzino povero cresciuto in un ambiente disagiato riesce, passando per il corpo dei Marine, ad arrivare a Yale per studiare giurisprudenza ed ottenere un lavoro in uno studio prestigioso. Ma, come ci ha insegnato la filmografia di Ron Howard, il sogno americano non si ottiene senza fatica e ostacoli da superare. Diviso temporalmente tra il 1997 e il 2011, il film si alterna tra il racconto dell’adolescenza di J.D., in Ohio – tra i tentativi di suicidio della madre Bev (Adams), infermiera instabile e tossicomane, e gli insegnamenti della rigida nonna Mamaw (Close) – e la notte precedente al colloquio che potrebbe cambiargli la vita, quando è costretto a tornare a casa per un’emergenza familiare.

Una scena del film

In questo contesto Ron Howard racconta l’America dei bianchi poveri, di quella classe operaia che aveva visto nelle miniere il mezzo attraverso cui realizzare il proprio futuro. Ma quel Paese in costruzione dall’animo febbrile ha poi lasciato il posto a disoccupazione, depressione e tossicodipendenza, lacerando il tessuto sociale e inasprendo gli animi dei suoi abitanti. Non è un caso che nel 2016 il romanzo di J.D. Vance sia diventato un caso letterario. È tra quelle pagine che la stampa statunitense ha provato a cercare le risposte alla vittoria di Donald Trump. Il tycoon che con le sue promesse di impiego era riuscito a sfondare la Rust Belt, la cosiddetta cintura di ruggine che dai mondi Appalachi si estende fino ai Grandi Laghi ottenendo i voti di chi si era era sentito voltare le spalle.

elegia americana
Glenn Close è Mamaw

Elegia americana però si limita solo ad accennare al quadro socio-economico in cui si muovono J.D., Bev e Mamaw. A Ron Howard interessano le persone, i legami famigliari e quel corollario di dipendenza, povertà, privazioni e conflitti che devono affrontare. Il risultato è un dramma familiare che non ha la potenza necessaria per elevarsi a elegia delle vite dei suoi protagonisti (o del Paese) soffrendo di una scrittura sbilanciata in un racconto che avrebbe giovato di più sfumature. A trainare il film le interpretazioni di Amy Adams e Glenn Close. Se la prima è schiacciata da una scrittura bidimensionale del personaggio di Bev, la Mamaw della Close è pura dinamite a cui basta un’espressione del viso per raccontare la sua storia fatta di speranze tradite, rabbia e amore burbero per il nipote a cui vuole dare la possibilità di realizzare quel sogno americano che a lei è stato strappato.

Qui potete vedere il trailer di Elegia americana:

Lascia un Commento

BLACK WEEK

BLACK WEEK | Da Cena con delitto a Colette: su CHILI tutti i film a un prezzo speciale

Gabriele Galloni

Caro agli Dei e quel cortometraggio che ricorda il poeta Gabriele Galloni