in

Box Office | After supera Dumbo e arriva primo, Hellboy non convince

Il nuovo teen-movie tiene vivo un botteghino debole. Male il Diavolo Rosso, sia in Italia che negli USA

Industry

ROMA – Fila corte, cortissime, ai botteghini. E incassi deboli. Si attende il ponte pasquale, si brama Avengers: Endgame. L’ultimo capitolo del MCU che, nientemeno, ha messo nel mirino il record di Avatar come film dall’incasso più alto. Allora, la settimana appena chiusa, dall’8 all’14 aprile, secondo i dati Cinetel, non hanno registrato guadagni memorabili, con la prima posizione conquistata da After (01), tee-drama che ha portato a casa 3,2 milioni. Secondo, stabile, Dumbo (Disney), con 1,8 su un globale di 9,3. Terzo, ecco Shazam! (Warner), in sette giorni ha fatto 1,099, a fronte di un totale di 2,9 milioni. Solo quarto, Hellboy (M2), con 765 mila euro. Quinta posizione, Wonder Park (20th Fox), che ha incassato 721 mila euro.

I protagonisti di After.

Dalla sesta posizione, poche novità. A un Metro da Te (Notorious), con un incasso di 596 mila euro, arrivando a quota 4,6 milioni. Settimo, Noi – Us (Universal), che registra 481 mila euro, per un totale di 1,1 milione. Ottavo posto, Book Club (Bim), con 473 mila euro in sette giorni e 1 milioni totale dalla data di uscita. Nono, Cafarnao (Lucky Red), che al botteghino fa 280 mila euro, contando le anteprime della scorsa settimana. Ultimo, Il Viaggio di Yao (Cinema), con 240 mila euro a fronte di un globale pari a 554 mila euro.

Una scena di Hellboy.

Negli Stati Uniti, invece, il cinecomic Shazam! non ha mollato la presa, anzi. Infatti, nonostante diverse uscite interessanti, il film della DC ha mantenuto il primato, incassando altri 25 milioni di dollari. Cifra ottima, avvicinandosi ai 100 milioni totali. Worldwide, invece, è a quota 220. Al secondo posto? Troviamo la commedia Little, con un debutto al botteghino di 16 milioni. Solo terzo, con un box office decisamente sotto tono, Neil Marshall con Hellboy. L’incasso? Di poco superiore ai 13 milioni di dollari. E pensare che nel 2004, The Golden Army, riuscì a superare i 30 milioni. Adesso, sarà da capire la sua tenuta e, in particolar modo, gli incassi globali. Anche perché, il sequel, sembra già in fase di preparazione…

Lascia un Commento

Da Estate 1993 al jazz di Eva Fernàndez Trio: la cultura Catalana arriva a Roma

bond 25

Bond 25 | E se fosse Phoebe Waller-Bridge a salvare il prossimo film di 007?