in

Tales from the Loop? La serie che vi farà credere nell’impossibile

Prodotta da Matt Reeves, lo show da vita alle opere di Simon Stålenhag. Otto puntate su Prime Video

Tales from the Loop
Tales from the Loop, nel banner Amazon Prime Video disegnato da Simon Stålenhag

ROMA – Rarefatta, quasi intangibile, volutamente criptica e sfuggente. Ma, contemporaneamente, magnetica come uno di quei racconti da leggere la sera, sotto le coperte, prima di andare a dormire. Sognando poi di universi paralleli e mondi strani, dove tutto può accadere. È questo l’effetto che fa Tales from the Loop, prodotta da Matt Reeves e ispirata ai lavori dell’artista svedese Simon Stålenhag, che nei suoi disegni immagina una società moderna in cui coesistono uomini, dinosauri e robot.

Tales from The Loop
Una scena del primo episodio

Se non lo conoscete, il consiglio è di andare subito a cercarlo su Google, mentre se sapete già di cosa stiamo parlando, la serie in questione non può non coinvolgervi per come vengono messe in scena le sue opere, che prendono vita all’interno della cornice di una piccola cittadina dell’Ohio, Mercer. Ogni episodio, che sono otto, scritti da Nathaniel Halpern, diretti da diversi registi (tra cui Jodie Foster e Andrew Stanton e appena arrivati su Amazon Prime Video, pur essendo a sé, incrocia location e personaggi, mettendoli su una linea in cui il tempo e l’esistenza sono elementi senza regole. O meglio, dalle regole mutate. Paradossi, alterazioni, universi espansi che elevano in storytelling le opere di Stålenhag.

Una scena di Tales from the Loop
Jonathan Pryce nella serie

Capiamo che, dall’incipit della prima puntata, quando Russ Willard alias Jonathan Pryce parlano guardando direttamente il pubblico, questa città è avvolta da una sorta di Loop, dato che nel sottosuolo è attivo un ambiguo laboratorio di fisica con l’intento di «scovare ed esplorare i misteri dell’universo». La premessa, dunque, è che Tales from the Loop sia una serie sci-fi fuori dal normale: si mostra poco (abbiamo visto in anteprima gli episodi 1, 4 e 6) e, quello che si mostra, è funzionale alla narrativa che spinge gli spettatori ad usare la potenza dell’immaginazione, riuscendo davvero a farlo credere nell’impossibile.

Tales from the Loop, una scena
Un robot tra gli alberi?

Per questo, sfruttando l’intelligenza di chi guarda (finalmente!) la serie di Amazon sposta l’attenzione sui dettagli e sulle atmosfere senza mai essere citazionista (ed era facile cedere, anche questa volta, agli Anni Ottanta…). Atmosfere enfatizzate da un’empatia asettica esaltata dalla grande colonna sonora di Philip Glass e di Paul Leonard-Morgan che altera sensibilmente l’incrocio dello spazio-tempo sui compassati (ma meravigliosi) paesaggi di Mercer, dove spuntano qua e là enormi macchine, bonari robot e contorni fantastici di un’esistenza dalla possibile irrealtà. E per questo idealmente spaventosa e magnifica.

  • Una serie diversa dalle altre? Vedete Undone

Qui potete vedere il trailer di Tales from the Loop:

Lascia un Commento

Cadillac Records

Cadillac Records e quel viaggio negli anni Cinquanta con Adrien Brody e Beyoncé

La quarta stagione de La Casa di Carta torna su Netflix il 3 aprile

La Casa di Carta 4? La banda divisa, tra caos e il tempo della nostalgia