in

Stoffa da Campioni I Il (grande) ritorno di Emilio Estévez e dei Mighty Ducks

Ricordate la trilogia anni Novanta? Ha un sequel, su Disney +. E c’è ancora lui: Emilio Estévez

Emilio Estevez e la squadra di Stoffa da campioni.

ROMA – Per i nati negli Anni Ottanta era un must: la casacca extra large con il mitico logo dei Mighty Ducks, ovvero una maschera da papero e i bastoni da hockey incrociati. Quella squadra, divenuta famosissima, non faceva parte della National Hockey League, ma era il frutto dell’immaginazione cine-sportiva del regista Stephen Herek, dello sceneggiatore Steve Brill e della Disney che – nel 1992 – fece uscire un cult assoluto, Stoffa da Campioni – The Mighty Ducks (lo trovate in streaming su CHILI qui). Il film fu il primo di un’epica trilogia (nel ’94 uscì Piccoli Grandi Eroi e nel ’96 Ducks – Una Squadra a Tutto Ghiaccio), con al centro le avventure di un gruppo di ragazzi un po’ sfigati – i classici underdog – che trovano riscatto nell’hockey, grazie agli allenamenti del coach Gordon Bombay alias Emilio Estévez .

Stoffa da Campioni: Cambio di Gioco
Brady Noon, il nuovo protagonista

Così, quasi trent’anni dopo, gli irresistibili paperi sono cresciuti e, in tempo di remake e sequel, eccoli arrivare sul piccolo schermo in Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco, serie originale Disney+ in 10 episodi. Ma attenzione, se li avevamo lasciati perdenti e adorabili, li ritroviamo cambiati: sono (ultra) competitivi, arroganti e sì, molto vincenti. Un cambio di rotta che sta tanto nel titolo quanto nella storia, dato che i Mighty Ducks sono dei “villain”, pronti a tagliare fuori dal team chi non è abbastanza bravo. Come nel caso di Evan Morrow (Brady Noon) che, allontanato dalla squadra, decide insieme alla mamma Alex (Lauren Graham) di mettere in piedi una squadra tutta sua, così da sfidare i paperi e sfatare il mito della vittoria a tutti i costi. Ad aiutarli? Ovviamente lui, Gordon Bombay, ovviamente interpretato da Estévez .

Stoffa da Campioni: Cambio di Gioco
Il ritorno di Emilio Estevez

In Stoffa da Campioni: Cambio di Gioco il capovolgimento di fronte funziona, e di conseguenza funziona la totale riscrittura del cult Anni Novanta, ma nonostante una netta sterzata lo spirito rimane intatto. Ed è proprio Bombay a tenerlo vivo. Lo (ri)troviamo sconfitto, depresso, vive nel palaghiaccio e mangia le torte avanzate dalle feste di compleanno. Insomma, Bombay è diventato l’underdog per eccellenza, un coach in cerca di riscatto sportivo e, ancora di più, in cerca di riscatto morale. Impossibile resistere ad Emilio Estévez ed impossibile non affezionarsi ai nuovi (e vecchi) protagonisti, metafore perfette di uno sport inclusivo, che non insegue la vittoria ma l’unione, l’amicizia e la passione.

Lascia un Commento

Invictus

Invictus | Clint Eastwood, Nelson Mandela e la storia vera di un sogno diventato realtà

PODCAST | Da Wim Wenders a Martin Scorsese, gli U2 tra Dublino e Hollywood