in

VENEZIA 77 | BMM – Being My Mom e il debutto alla regia di Jasmine Trinca

Nel cortometraggio Alba Rohrwacher e Maayane Conti sono madre e figlia perse in una Roma deserta

BMM - BEING MY MOM
Alba Rohrwacher e Maayane Conti in BMM - Being My Mom diretto da Jasmine Trinca

VENEZIA – Una madre, una figlia e una Roma deserta sono le tre protagoniste di BMM – Being My Mom, il corto che segna il debutto alla regia di Jasmine Trinca. Presentato in Concorso a Venezia 77 nella sezione Orizzonti Cortometraggi, BMM segue da vicino il viaggio di due donne, una madre e una figlia appunto, che hanno i volti di Alba Rohrwacher (già protagonista al Lido con Lacci) e della piccola Maayane Conti, alla sua seconda prova d’attrice dopo Debout sur la montagne.

Venezia 77 Being My Mom Jasmine Trinca
Madre e figlia fra le strade di Roma. Foto di Alberto Novelli

«Maayane racchiude nei suoi occhi tutta la meraviglia del mondo, così come un residuo di selvaticità resistente ai tempi moderni che molto mi ricorda me bambina» ha rivelato Trinca. «Mentre Alba Rohrwacher è un’attrice eccezionale, libera, pazza, malinconica: una Buster Keaton con la sensualità di una pantera! Grazie al suo talento generoso mi ha permesso di riabbracciare mia madre».

Alba Rohrwacher nel corto. Foto di Fabio Zayed
Alba Rohrwacher nel corto. Foto di Fabio Zayed

«BMM – Being My Mom è una passeggiata metaforica nell’esistenza di due donne, due protagoniste che protagoniste non sono, se non della loro vita» ha spiegato Trinca, autrice insieme a Francesca Manieri del soggetto e della sceneggiatura del corto. «Le osserviamo con sguardo accidentale, creature che partecipano dell’esistenza, inessenziali al mondo, essenziali l’una per l’altra. Un’indagine sulle strade luminose e oscure della maternità e di ogni figliolanza».

Being My Mom Trinca Venezia
Una scena del corto. Foto di Fabio Zayed

Prodotto da Olivia Musini per Cinemaundici, BMM – Being My Mom ci conduce quindi all’interno di un viaggio esistenziale carico di significati, come la valigia che le protagoniste trascinano con sè fra le strade della Città Eterna. Unite da un legame profondo e unico, madre e figlia affrontano un cammino senza sosta, che le porta ad avvicinarsi e poi allontanarsi, in un continuo ribaltamento dei ruoli pieno di sorprese e inaspettate epifanie.

  • VENEZIA 77 | Lacci e i danni collaterali dell’amore secondo Daniele Luchetti
  • VENEZIA 77 | Da Nomadland a Miss Marx: i magnifici 10 scelti da Hot Corn

Lascia un Commento

Shia LaBeouf e Vanessa Kirby in Pieces of a Woman di Kornél Mundruczó

VENEZIA 77 | Pieces of a Woman e la (ri)scoperta di Kornél Mundruczó

1968 - Gli Uccelli

1968 – Gli Uccelli, Carlo Levi e quella storia mai raccontata sul Sessantotto italiano