in

The Wife | Glenn Close, Jonathan Pryce e un matrimonio sull’orlo del collasso

Björn Runge porta sullo schermo il romanzo di Meg Wolitzer in una storia di sottili recriminazioni

the wife

MILANO – La letteratura incontra il cinema quando nel 2017 la sceneggiatrice Jane Anderson e il regista Björn Runge portano sullo schermo il romanzo omonimo di Meg Wolitzer The Wife – Una vita nell’ombra. Con le incredibili performance di due fuoriclasse come come , il film, candidato all’Oscar, scava non solo nel processo di creazione letteraria, ma anche nei segreti che si nascondono sotto un matrimonio di lunga durata e la sottomissione del genio femminile a una dimensione domestica. The Wife racconta quello che aveva già fatto Iris – Un amore vero sedici anni prima con Kate Winslet e Judi Dench: una giovane donna con un promettente talento e la possibilità di diventare scrittrice che abbandona il suo sogno per assecondare le ambizioni del marito.

the wife
Una scena del film

All’inizio, sembra di trovarsi all’interno di una famiglia perfetta, una moglie, un marito e due figli. Ma i coniugi Joan e Joe Castleman, ormai settantenni e sposati da quarant’anni, non sono una coppia qualunque: Joe è uno scrittore di origini ebraiche affermato e conosciuto in tutto il mondo. Un giorno, una telefonata lo informa che è stato scelto per ricevere il Premio Nobel per la Letteratura e deve recarsi a Stoccolma per la cerimonia. Il viaggio verso l’Europa e la premiazione sono il pretesto che permette a Joan di ripensare alla sua vita e al suo matrimonio, costruito su ferite, dolore e sacrifici per seguire un marito ambizioso e perdonare le sue frequenti infedeltà. The Wife è un viaggio tra il presente e il passato di Joan – tra 1958, il 1968 e il 1992 – che attraversa i due continenti, dal Connecticut fino alla Svezia.

Un’immagine di The Wife

E mentre Joan ricorda ciò che un tempo erano stati i suoi sogni e la sua vita da studentessa universitaria, scopriamo con lei come il suo incredibile talento per la scrittura, a cui si era avvicina grazie a Harry, un professore universitario con cui aveva molto legato, se coltivato avrebbe potuto portarla ad essere una scrittrice di successo. E la realizzazione di quello che avrebbe potuto essere esplode in una rabbia tremendamente forte, che fa fuoriuscire tutto il risentimento di anni e anni di vita. Fin dai primissimi momenti in cui Joan si destreggia tra sorrisi e festeggiamenti, si può avvertire tutta la sua frustrazione. Soprattutto quando sopraggiunge il twist che scatena la sua reazione. Niente di tutto quello che accade è nuovo per lei – è la sua vita, dopotutto.

the wife
Glenn Close e Jonathan Pryce in una scena del film

Ma sentirlo dire ad alta voce e vederselo rinfacciato, è ciò che la fa andare fuori di testa. Una donna che è stata troppo paziente e che è stata trascurata per troppo tempo. Quello che conta qui non è la verità, ma le bugie che sono state dette per coprirla. Joan ha sacrificato tutto per suo marito, un uomo narcisista che non è mai stato in grado di farla sentire in altro modo se non inferiore a lui. The Wife è una storia di sottili recriminazioni, di sentimenti nascosti che si rivelano a poco a poco tra gesti e guardi, di un matrimonio che sembra essere sull’orlo del collasso e della forza femminile che, quando lasciata libera, ha la potenza di un uragano. 

  • Volete vedere The Wife? Lo trovate su CHILI

Lascia un Commento

Xena

Xena | Lucy Lawless, Quentin Tarantino e un cult femminista ante-litteram

Omar Sy, il Marsiglia e la partita di calcio con la vita: perché riscoprire Dream Team