in

«Niente è come sembra» | Roberto De Feo e il cast raccontano The Nest

Una villa oscura, un bosco inquietante e una regola fondamentale. In sala? Dal 15 agosto

Francesca Cavallin

ROMA – Un’enorme villa gotica, un giardino sconfinato, un’inquietante famiglia e, soprattutto, alcune regole ferree da rispettare. La più importante? Non uscire mai dalle perimetro della casa. Insomma, un po’ The Village e un po’ The Others – con un pizzico di The Truman Show – l’esordio alla regia di Roberto De Feo con The Nest (Il Nido) fa immergere lo spettatore in un’atmosfera a tinte horror ed enigmatiche, mentre sul piano principale si consuma un thriller famigliare che vede protagonista Samuel, ragazzo paraplegico che vive con sua mamma Elena, nel bel mezzo di oscuri boschi.

L’equilibrio della strana famiglia, viene alterato dall’arrivo nella casa dalla giovane Densie, dando la forza a Samuel di contrastare le regole imposte dall’inquietante Villa dei Laghi. Con una domanda, perché Elena costringe Samuel a vivere prigioniero? «Il cinema a cui mi ispiro è quello che gioca con lo spettatore», ha detto il regista ad Hot Corn, «Adoro mostrare un universo opposto da quello che crediamo di vedere. E poi, anche grazie alla location – quella che ogni regista sogna di incontrare –, ho sottolineato la paura del mondo esterno, oggi più che mai attuale».

Nel cast di The Nest, oltre a Maurizio Lombardi nella parte del folle (e fumettistico) Dottor Christian, ci sono i protagonisti, Fracesca Cavallin – nel ruolo di Elena – e i giovanissimi Justin Alexander Korovkin e Ginevra Francesconi, che interpretano Samuel e Denise. «La villa?» Hanno raccontato gli attori, «è quasi l’intero film, rappresenta il suo spirito e, sì, girare al suo interno, di notte mentre pioveva, è stato divertente ma anche un filo inquietante». E, in attesa dell’uscita in sala (15 agosto), se volete scoprire di più su The Nest, ecco Roberto De Feo e il cast nella nostra videointervista.

Lascia un Commento

Io & il cinema | Giovanni Veronesi: «Woody, Garrone e il mio amore per il western»

Il Campione | Tra sport e vita: perché dovete recuperare il film con Stefano Accorsi