in

The Captive | Ryan Reynolds, una scomparsa e la storia vera che ha ispirato il film

Atom Egoyan firma il thriller basato su un caso di rapimento che ha segnato la storia del Canada

The Captive
Ryan Reynolds è il protagonista di The Captive

MILANO – Un istante e la vostra vita cambia. Voltate lo sguardo per pochi minuti e perdete tutto ciò che avete di più prezioso. Così accade anche a Matthew, il protagonista di The Captive – Scomparsa interpretato da Ryan Reynolds, che si ritrova a vivere un incubo ad occhi aperti, quando sua figlia Cassandra viene rapita mentre si trova nell’auto di famiglia. Da lì comincia una caccia all’uomo che dura anni, mentre il senso di colpa e il dolore distruggono i genitori della piccola. Matthew però non è disposto ad arrendersi, pure quando emerge la più atroce verità: Cass è vittima di una rete di pedofili.

The Captive
Mireille Enos e Ryan Reynolds in The Captive

Teso e inquietante, The Captive di Atom Egoyan è stato presentato a Cannes nel 2014 e, proprio durante la kermesse, il regista ha svelato che la storia del film è ispirata ad un vero fatto di cronaca che lo ha coinvolto da vicino, ovvero, quello della misteriosa sparizione di Michael Dunahee. «Il bambino è scomparso da un parco molto vicino a dove vivevo. So che la madre ha voltato le spalle per un solo momento. Ogni volta che tornavo a casa, vedevo i manifesti appesi per ritrovarlo. I genitori non si sono mai arresi: credono che un giorno il loro piccolo ritornerà».

The Captive
Rosario Dawson e Scott Speedman sono i detective incaricati di indagare sul rapimento

La triste vicenda risale al 1991. È il 24 marzo. Una domenica. Bruce e Crystal Dunahee portano il figlio Michael, di soli 4 anni, alla scuola elementare Blanshard. Lì Crystal deve partecipare ad un allenamento di calcio femminile. Il posto è affollato. Tutte persone del luogo. Tutte persone per bene. A un certo Michael chiede di andare nel vicino parco giochi. La zona è sicura, ma basta un attimo di disattenzione e il piccolo scompare, come inghiottito nel nulla. Appena la madre se ne accorge tutti iniziano a cercarlo: il bambino indossa una giacca blu con cappuccio, una maglietta con le adorate Tartarughe Ninja, pantaloncini corti e scarpe da ginnastica blu.

Rapimento Michael Dunhaee
Il piccolo Michael Dunhaee

Nonostante la polizia venga subito allertata, l’impressione è che Michael sia come svanito. Nessuno lo ha visto. Nessuno ha notato presenze sospette nella zona. Più passano le ore, più gli investigatori si convincono che non si tratti di un caso di scomparsa ma di rapimento. L’area viene perlustrata, si interrogano a tappeto tutti i presenti sul luogo del crimine e persone con precedenti. Iniziano a circolare i manifesti con la foto di Michael, il caso arriva alla stampa e così le soffiate alla polizia si moltiplicano. Sembrano indizi utili. Si cerca un uomo fra i 40 e 50 anni con un furgone marrone. Alla fine però ci si ritrova sempre in un vicolo cieco.

Rapimento Michael Dunhaee
La famiglia Dunahee: Crystal, Bruce e Caitlin

Il tempo passa. La speranza si affievolisce, ma non si spegne. Siamo nel 2006 e un ragazzo viene sottoposto all’esame del DNA. Ha l’età giusta, 22 anni, e somiglia a quello che potrebbe essere Michael da adulto. Il risultato però non lascia spazio al dubbio. Non è lui. La storia si ripete così inoltre nel 2011 e nel 2013. Ogni volta sembra di vedere una luce fra le ombre che purtroppo, puntualmente, si riaddensano di fronte all’esito negativo. Anche se The Captive ha riacceso i riflettori sulla vicenda, ad oggi la scomparsa di Michael resta un cold case. Non c’è un corpo. Non c’è un indizio. Ma non c’è spazio neanche per la rassegnazione.

The Captive
Dalle targhe commemorative alle corse di beneficenza: il ricordo di Michael Dunahee resta vivo

Perciò mamma Crystal non smette di cercare il suo bambino e affronta il dolore quotidiano, aiutando le altre persone: è diventata una portavoce per i bambini scomparsi nella Columbia Britannica ed è stata presidente del Child Find British Columbia. Nel 2002 ha supportato la Royal Canadian Mounted Police per l’introduzione dell’Amber Alert, ovvero, un sistema d’allarme per bambini scomparsi esteso a tutta il rispettivo stato, notificandolo direttamente sul cellulare delle persone. Lo stesso allarme che, forse, avrebbe salvato Michael nel 1991.

  • Searching, un laptop e la vera storia del thriller con Debra Messing 
  • Volete (ri)vedere The Captive? Lo trovate su CHILI
  • Volete leggere altre Storie? Le trovate qui

Qui potete  vedere il trailer di The Captive – Scomparsa:

 

Lascia un Commento

woody allen

Un giorno di pioggia a New York e gli altri film in streaming | Il nuovo numero di Hot Corn Weekly

Emergenza

Da Gwyneth Paltrow a Kevin Bacon | Gli attori, i social e l’emergenza Coronavirus