in

Parasite tra scene, colori e ambienti | Dietro le quinte del film di Bong Joon Ho

Le location, le riprese: così il regista sudcoreano ha creato un capolavoro da sei nomination

Parasite
Hye-jin Jang durante le riprese di Parasite

MILANO – Astuto, irriverente, difficilmente inquadrabile in un genere preciso, in punta di piedi sul filo che separa commedia, dramma e thriller (e anche horror). Quel piccolo gioiello che è Parasite (qui la nostra recensione), regalatoci dal regista sudcoreano Bong Joon Ho – e adesso lanciato verso gli Oscar ora con addirittura sei nominations, altro che solo film straniero – racchiude in sé le componenti che lo rendono un film perfetto. Ma cosa si nasconde dietro il film? Ideato in origine come opera teatrale, lo script impeccabile fa solo da cornice a un uso magistrale di musiche, inquadrature, colori e ambienti, un unicuum che raramente vediamo sul grande schermo.

Una scena di Parasite
Jo Yeo-jeong, Park So-dam and Choi Woo-sik in una scena di Parasite

La realizzazione del film, definita dal regista un «caos controllato», si compone di elementi relativamente “piccoli”, a partire dal budget ridotto, circa un quinto rispetto al precedente Okja, che gli permette di «filmare al microscopio», concentrandosi sui dettagli. Anche se non può essere relegato a un unico genere, Parasite presenta comunque caratteristiche del thriller o della ghost-story, motivo per cui appare peculiare la scelta di impiegare scene molto lunghe, sebbene siano fatte per permettere allo spettatore di comprendere fino in fondo gli spazi in cui si svolge la storia, arrivando a un totale di 960 tagli nell’intero lungometraggio, quando altre pellicole del genere arrivano a contarne anche il doppio.

Il making of di Parasite
La casa della benestante famiglia Park protagonista di Parasite

In particolare, in un’intervista rilasciata a The Atlantic, il regista ha parlato della realizzazione di alcune scene, legate principalmente alla costruzione delle architetture. Il film, basato sulla contrapposizione tra le abitazioni delle due famiglie, presenta due case profondamente diverse. La costruzione della casa dei Park, la famiglia benestante, è stata particolarmente controversa per l’intenzione di appariscenza, il volerla far sembrare una sorta di castello isolato tramite cui dei giovani ricchi e sofisticati mostrano il loro gusto raffinato. Un profondo senso estetico e minimalista permea gli ampi spazi in cui la famiglia Park si trova a vivere.

Sul set di Parasite
Sul set di Parasite

Per contro, la casa dei Kim ha una “struttura più semplice”. Primo indice di disuguaglianza tra i due stati sociali è l’assoluta mancanza di privacy, dal momento che i passanti possono vederne l’interno. Interessante è la realizzazione di questa abitazione per una scena in particolare, la discesa sotto la pioggia. Dopo essere scappati dal garage della casa dei Park, i Kim si ritrovano sotto una pioggia più forte del previsto e una volta arrivati nel loro quartiere scoprono che l’intera via, e di conseguenza anche la loro casa nel seminterrato, si è allagata.

Parasite
La troupe al lavoro sul set della casa dei Kim

Avendo possibilità limitate, la soluzione del regista è stata quella di costruire il tutto all’interno di una cisterna e con l’aiuto del blue screen, «non avevamo altra scelta, quindi alla fine abbiamo allagato l’intero quartiere». Un espediente già consolidato e utilizzato largamente in diversi film, il più famoso di tutti? Titanic. Il seminterrato viene descritto come una sorta di “limbo” per i poveri che riflette la loro situazione economica.

Sul set di Parasite
Bong Joon Ho sul set con gli attori di Parasite durante le riprese

Si trovano esattamente a metà tra il sotto e il sopra ma li accompagna la costante paura di una discesa definitiva. Accoppiando le caratteristiche di genere con la critica sociale, Parasite porta in gioco quelli che sono i suoi temi portanti, l’infiltrazione, la polarizzazione tra ricchi e poveri e la disuguaglianza. Il dramma che Bong Joon-ho rappresenta è più che mai attuale e lo fa con una tecnica da fuoriclasse, un capolavoro grazie al quale oggi, forse, siamo tutti un po’ più ricchi. E scoprire come è stato realizzato ci permette ancora di più di restare abbagliati dalla magia del (grande) cinema.

Lascia un Commento

Tutte le nomination agli Oscar 2020

Da Joker a Quentin Tarantino | Tutte le nomination agli Oscar 2020

La storia | Se un documentario racconta la guerra in Siria ad una bambina