in

Parasite | Bong Joon-ho e la graphic novel tratta dallo storyboard

Il regista sudcoreano è l’autore del libro che svela i segreti del cult vincitore di quattro Oscar

Parasite-graphic-novel-film
Un dettaglio dello storyboard di Parasite.

MILANO – Un fenomeno che non conosce confini. Dopo l’eccezionale successo agli Oscar, Parasite continua ad affascinare il pubblico di tutto il mondo. Tanto che il cult cinematografico firmato da Bong Joon-ho arriva in una veste inedita, ovvero, Parasite: A Graphic Novel in Storyboards.  Dagli storyboard realizzati per dirigere il film è stata infatti ricavata una vera e propria graphic novel. L’autore è lo stesso regista sudcoreano che quindi mette nero su bianco i segreti del suo capolavoro, disponibile su CHILI.

Parasite
Gli storyboard realizzati dal regista

Pubblicata dall’americana Grand Central Publishing che fa capo ad Hachette, la graphic novel ci permette di scoprire in ogni dettaglio il processo che ha portato alla realizzazione del film. In particolare, nelle 304 pagine, si susseguono gli storyboard, le foto dal set, gli appunti del regista e il risultato finale che consiste nella scena che è poi arrivata sul grande schermo.

Parasite
Altre scene ideate su carta

«Le illustrazioni del regista condividono lo stesso potere illuminante della sua scrittura e regia. Il risultato è una lettura meravigliosa e avvincente e uno sguardo nuovo alle delizie vertiginose e alle sorprese della storia profondamente toccante, che sfida il genere di Bong Joon Ho» si legge sul sito della casa editrice, dove è possibile acquistare il volume. La speranza è che Parasite: A Graphic Novel in Storyboards sia presto disponibile anche in Italia. Nel frattempo però ringraziamo Bong Joon Ho per averci regalato un altro capolavoro geniale e sorprendente. Questa volta su carta.

Qui di seguito trovate anche un video dedicato al making of di Parasite:

Lascia un Commento

HOT CORN Radio | Perché dovreste riscoprire la colonna sonora di Brawl In Cell Block 99

Un uomo per tutte le stagioni | Joaquin Phoenix e l’arte di fare la differenza