in

My French Film Festival | 20 titoli in concorso per scoprire online il cinema francese

Un’edizione tutta da gustare, con film diversi fra loro. E per gli utenti di CHILI le sorprese continuano

My French Film Festival
Il manifesto del My French Film Festival 2020

MILANO – Mentre le frontiere di Internet corrono sempre più veloci, anche i festival di cinema mettono in gioco concetti innovativi. My French Film Festival, promosso da UniFrance dal 16 gennaio al 16 febbraio, è uno di questi. Ormai alla decima edizione, il festival sfrutta la discussione online per un coinvolgimento sempre maggiore dell’audience. I venti titoli in concorso, tra lungometraggi e cortometraggi, sono fruibili su diverse piattaforme. Non solo. Diversi film sono destinati anche alla piccola distribuzione in alcune sale e sono disponibili perfino sui voli della linea AirFrance. Il compito degli utenti? Semplice. Guardare e valutare tutti i film, lasciando poi un commento sul sito del festival. Alla base di questa nuova formula si pone il tentativo di far scoprire al mondo i giovani registi francesi sfruttando la condivisione da parte degli amanti del cinema, francese e non, della loro passione proprio grazie a Internet, ampliando così lo sguardo anche sulle nuove generazioni.

My French Film Festival
Un’immagine di Les Misérables

A coprire tutta l’area francofona europea ci sono anche due film belgi e uno svizzero. I film spaziano tra i temi più vari, divisi in categorie: abbiamo così, ad esempio, Is This Real?, Say Cheese!, On the Frontline, All About Women, Teen Spirit o Special Screenings. Si va dal labile confine tra sogno e realtà, l’umorismo di situazioni assurde per divertire, la rappresentazione dei conflitti di ieri e oggi, la meritata celebrazione delle donne, i quesiti e il sentire delle nuove generazioni sempre in cerca di punti di riferimento a cui aggrapparsi, la difficile situazione della periferia francese (accanto al Les Misérables di Ladj Ly in corsa all’Oscar) fino all’animazione per i più piccoli e uno spazio riservato a opere innovative e sperimentali. I giovani registi sono già conosciuti principalmente per i loro cortometraggi, alcuni dei quali premiati sia dal pubblico che dalla critica. My French Film Festival è un viaggio nel cinema d’Oltralpe per scoprire la ricchezza dello sguardo che una nuova classe di cineasti ha da offrire al mondo.

My French Film Festival
Un’immagine di Pedrix presentato nella sezione Say Cheese!

Da una parte l’attenzione ai linguaggi cinematografici e dall’altra una lettura dei temi della contemporaneità, con soggetti e stili rinnovati. Un nuovo modo di vivere i film e la cultura cinematografica, una rivoluzione significativa nell’universo delle presentazioni ufficiali che tenta l’azzardo nella sfida alle forme più classiche dei festival di cinema e si adegua alle nuove abitudini caratterizzate dalla visione in streaming e dal binge watching.

My French Film Festival
I confini del mondo

In occasione del festival, gli utenti di CHILI hanno in esclusiva una selezione di dieci titoli: Selvaggi di Vincent Mariette, Perdrix di Erwan Le Duc, La messa grande di Méryl Fortunat-Rossi, L’ultima ora di Sébastien Marnier, I meteoriti di Romain Laguna, Le rondini di Kabul di Zabou Breitman, Jessica per sempre di Jonathan Vinel, Il vento sta cambiando di Bettina Oberli, I confini del mondo di Guillaume Nicloux e Un quartiere da schianto di Jean-François Richet. Non resta che addentrarsi nel cosmo di My French Film Festival e scoprire cosa ci siamo persi finora.

  • Tra l’Africa e l’Europa | Mati Diop e la rivelazione Atlantique

Ecco il teaser trailer di My French Film Festival

Lascia un Commento

Bartosz Bielenia è Daniel in Corpus Christi

Sacro, profano e un film da Oscar: Corpus Christi

1917 di Sam Mendes

Tra cuore e tecnica | 1917 di Sam Mendes mette in scena la guerra e celebra la vita