in

Lizzy e Red – Amici per sempre | Una favola in stop motion per parlare di morte e rinascita

A volte le strade della vita sono imprevedibili, lo racconta il film di Denisa Grimmovà e Jan Bubeniček

lizzy e red - amici per sempre
Una storia di crescita e coraggio: Lizzy e Red - Amici per sempre

ROMA – «Ogni cosa inizia ad esistere, così che un giorno possa cessare di esistere. La fine di qualcosa è l’inizio di qualcos’altro. In ogni dipartita, c’è speranza per nuova terra». Un messaggio semplice e antico, una filosofia che spesso un film, un libro o uno scritto tornano a ricordarci ma che facciamo presto a dimenticare, presi come siamo nella frenesia di tutti i giorni. Invece Lizzy e Red – Amici per sempre ne fa la trave portante della sua storia. Presentato ad Alice nella Città 2021 e in sala dall’8 dicembre, il film è diretto dai registi cechi Denisa Grimmovà e Jan Bubeniček e tratto dal romanzo di Iva Procházková. Una storia di coraggio e amicizia, ma anche di debolezze e paure che, messe tutte insieme, dipingono un quadro della vita in cui tutti si possono almeno un po’ riconoscere.

lizzy e red - amici per sempre
I protagonisti di Lizzy e Red – Amici per sempre

I protagonisti di questa storia sono Lizzy, una topolina, e Red, una volpe. Dopo un incidente, i due si ritrovano in paradiso. Lì ci sono tutti gli animali che hanno esaurito il loro tempo sulla Terra, e ora passano il tempo rilassandosi e divertendosi. Lizzy e Red partono col piede sbagliato sin dal loro primo incontro. Perché, vedete, in natura questi due animali sono preda e cacciatore, mai li vedremmo fraternizzare e unire le forze, e anche qui inizialmente sono nemici. Ma nel mondo dell’animazione e dell’immaginazione tutto può accadere. Così la piccola Lizzy, che non riesce ancora a credere di essere morta, trova come unica consolazione la speranza di ritrovare il padre, scomparso tempo prima. Red allora inizia ad affezionarsi a quella topolina che dietro la sua aria fragile e spaesata nasconde un grande coraggio, e parte con lei all’avventura.

Una scena di Lizzy e Red – Amici per sempre

La sensibilità di Lizzy e Red – Amici per sempre è molto particolare. Tanto per cominciare, è insolitamente sincero sulla morte. Qualsiasi altro film diretto ai bambini l’avremmo visto tentare di esorcizzare il tema e ammorbidirlo. Ma non qui. Qui è semplicemente un altro passo nell’eterno ciclo della vita, né più né meno. Non importa se chi si ritrova in paradiso è un cucciolo come Lizzy o se ha lasciato indietro una vita ancora piena di scoperte, non c’è distinzione tra chi viene colpito dal fato e, sorprendentemente, non c’è nemmeno paura. Forse solo un po’ all’inizio, quando si deve ancora capire cosa è successo, ma poi lo sguardo è sempre rivolto verso il futuro, come se non fosse una fine davvero definitiva.

lizzy e red - amici per sempre
L’animazione di Lizzy e Red – Amici per sempre

Il film di Denisa Grimmovà e Jan Bubeniček si appoggia sulla più classica delle animazioni in stop motion, che ricorda molto titoli come Fantastic Mr. Fox o Coraline – con i modelli degli animali interamente realizzati in Polonia. Il suo punto di forza non è la trama, molto semplice e generale, ma il messaggio che trasmette e, ancora di più, la tenera semplicità con cui riesce a farlo. Quella di Lizzy e Red è prima di tutto una storia di formazione, sia per chi deve crescere e per chi grande già lo è, per imparare a riconoscere il coraggio che ognuno porta dentro e per imparare a superare quelle paure che ci frenano. Se poi riusciamo a farlo avendo a fianco un amico, meglio ancora. L’unione fa la forza, così diceva il detto. E se c’è una cosa che il film insegna è che quella forza, a volte, è possibile trovarla anche in chi pensavamo di odiare.

  • Scoprite qui Hot Corn Kids
  • NEWSLETTER | Iscrivetevi qui alla newsletter di Hot Corn!

Lascia un Commento

VIDEO | Edoardo Coen: «La mia passione per Bon Iver, il ruolo in Luna Park e Heath Ledger»

Richard Madden, Angelina Jolie, Chloé Zhao, Kit Harington e Gemma Chan

Cholé Zhao e il cast di Eternals: «La nostra storia di amore ed inclusione»