in

VIDEO | Giorgio Pasotti: «Io, tra Abbi Fede e la mia curiosità da spettatore»

La nostra intervista all’attore e regista premiato all’Olbia Film Network per Abbi Fede

giorgio pasotti

OLBIA – Lo conosciamo principalmente come attore, tra cinema e televisione, una grande passione per le arti marziali e ora, dopo la co-regia di Io, Arlecchino, firma la sua seconda prova da regista con Abbi fede. Il film, che aveva arrestato il suo cammino durante l’emergenza – salvo essere poi distribuito in streaming prima dell’estate –, è una commedia grottesca con una forte vena satirica, liberamente ispirato a Le mele di Adamo di Anders Thomas Jensen del 2005. Tra la fede e gli estremismi politici, Pasotti riesce allo stesso tempo a far sorridere e riflettere. Acclamato e accolto dagli applausi all’Olbia Film Network, dove è stato insignito del premio Opere Prime e Seconde, il film è stato molto apprezzato dal pubblico. Proprio a Olbia abbiamo incontrato Giorgio Pasotti, che ci ha parlato delle idee dietro al film, delle sue ispirazioni e dell’importanza di tornare nuovamente ai festival in presenza.

  • Giorgio Pasotti: «Abbi Fede, la mia commedia grottesca al passo coi tempi»
  • Abbi Fede | Il bene e il male secondo la commedia di Giorgio Pasotti

Intervista di Ileana Dugato:

Lascia un Commento

Settant’anni e non sentirli | Humphrey Bogart e la modernità de Il grande sonno

matthew rhys

VIDEO | «Mr. Rogers? Regalava speranza»: Matthew Rhys racconta Un amico straordinario