in

Dune – Parte Due | Timothée Chalamet, Denis Villeneuve e il nuovo atto dell’epopea

Zendaya, Javier Bardem, i Fremen, gli Harkonnen e un kolossal imperdibile. Al cinema

Timothée Chalamet e l'evoluzione di Paul Atreides in Dune - Parte 2, un film di Denis Villeneuve, al cinema con Warner Bros
Timothée Chalamet e l'evoluzione di Paul Atreides in Dune - Parte 2, un film di Denis Villeneuve

MILANO – Torna al cinema l’epopea fantascientifica di Paul Atreides e i Fremen sul pianeta Arrakis con Dune – Parte Due, kolossal che riconferma l’identità visiva del suo regista, Denis Villeneuve, e una (non ancora completa) trilogia che rimarrà negli annali. Simbolo dell’esperienza in sala e del cinema più autoriale, Villeneuve ci riporta sul pianeta delle spezie, tra visioni di un futuro desolante e vermoni della sabbia, migliorando quanto ci fosse già di buono nel primo capitolo della saga con protagonista Timothée Chalamet. In questa seconda parte, nel tentativo di prevenire un terribile futuro che solo lui può vedere, Paul Atreides con l’aiuto di Chani (Zendaya) e i Fremen, trama la sua vendetta contro gli Harkonnen che hanno distrutto la sua famiglia.

Timothée Chalamet e Zendaya in una scena di Dune - Parte Due
Timothée Chalamet e Zendaya in una scena di Dune – Parte Due

Villeneuve rimanda al mittente qualsiasi critica di un film estenuante, offrendo un’esperienza immersiva che trasporta il pubblico negli ingranaggi in un world-building immenso ma che si dimostra (ancora una volta) di essere la trasposizione più fedele – e migliore – dell’omonimo romanzo cult di Frank Herbert. Dune – Parte Due è il personalissimo Davide contro Golia di Denis Villeneuve, dove il piccolo domina le grandi e titaniche lande desertiche di Arrakis. Lo scontro dei Fremen contro gli Harkonnen è azione coreografata pura come i balli sul manto di sabbia per non farsi sentire dai vermi, ma è anche espresso in un’epicità – che oltre ad essere tangibile negli ambienti – attraversa i personaggi e le loro parole.

Dune - Parte Due di Denis Villeneuve verrà distribuito nei cinema italiani da Warner Bros a partire dal 28 febbraio
L’epica firmata Denis Villeneuve in Dune – Parte Due.

L’ideale che muove i popoli di Dune – Parte Due arriva dalla chiara ispirazione di Herbert per i conflitti degli anni Sessanta che vedevano coinvolti i popoli arabi e i loro territori occupati per il petrolio, prendendo a piene mani dalla politica internazionale arrivando fino ai giorni nostri, avvicinando la storia di Dune alla realtà e rendendo la fantascienza per niente anacronistica. Questo lo aveva fatto anche all’epoca il fantasy de Il Signore degli Anelli e Peter Jackson, arrivando fino ai giorni nostri con una rilettura politica errata: Dune – Parte Due fa lo stesso della trilogia di Jackson, ma rimane sul lato giusto del cinema (e della storia) grazie anche ad un cast corale carismatico come pochi ed una visione precisa che giustifica qualsiasi elemento che potesse risultare complicato.

Una scena del film
La mutazione di Elvis? Austin Butler in Dune 2.

Il risultato? Lo Show, Don’t Tell più autoriale degli ultimi anni del cinema contemporaneo, che mischia fondamentalismo, religione, politica e ispirazioni animate per regalarci una sicurezza e un’autorialità che poche volte spunta fuori dai blockbusters.

  • OPINIONI | Dune – Parte 1, la recensione
  • LONGFORM | Dune, Jodorowsky, Scott, Lynch, alle origini del mito
  • VIDEO | Qui per il trailer del film 

 

Lascia un Commento

Dakota Fanning in una scena di The Watchers, opera prima di Ishana Night Shyamalan, dal 5 giugno al cinema con Warner Bros

VIDEO | Dakota Fanning, Ishana Night Shyamalan e il trailer di The Watchers

Paul Mescal e Andrew Scott in un momento della nostra intervista per parlare di Estranei, al cinema dal 29 febbraio

VIDEO | Andrew Scott e Paul Mescal raccontano il viaggio di Estranei