in

Saoirse Ronan, Tom Holland e la fine del mondo | Perché recuperare Come vivo ora

Tra Hunger Games e Il signore delle mosche: un racconto young adult inedito da vedere e riscoprire

Maglione e capelli biondi: Saoirse Ronan nei panni di Daisy.

MILANO – Per la lunga serie di film mai distribuiti sul grande schermo e ora disponibili in streaming  (e vi abbiamo già raccontato Wildlife e Beast of Burden), il nostro nuovo consiglio è di recuperare Come vivo ora, altro oggetto misterioso tratto dall’omonimo bestseller young adult firmato da Meg Rosoff (edito da Feltrinelli in Italia) e tradotto in immagini nel 2013 da Kevin MacDonald, il regista de L’ultimo re di Scozia e State of Play, non proprio un novellino. Protagonista assoluta? Una grande Saoirse Ronan, prima della consacrazione ottenuta grazie a Brooklyn e Lady Bird. L’attrice irlandese qui interpreta Daisy, adolescente dal carattere agitato e spigoloso che viene mandata dal padre rimasto vedovo a trascorrere le vacanze estive nella campagna inglese a casa dei cugini.

Cuffie e occhiali: Saoirse Ronan e la sua Daisy.

Dapprima diffidente, la ragazza comincia poco a poco ad ambientarsi nella nuova dimensione famigliare, dedicando attenzione al cugino più grande, Edmond (George MacKay, visto in Captain Fantastic). L’apparente serenità raggiunta in un luogo così isolato e lontano da tutto, verrà presto travolta dalla notizia dello scoppio di una guerra, a seguito di devastanti attacchi terroristici che stanno disintegrando la vicina Londra e progressivamente l’intera Inghilterra. L’arrivo dei militari spezzerà l’unione dei ragazzi, che dovranno provvedere alla propria sopravvivenza.

La Ronan con Harley Bird, Tom Holland versione nerd e George MacKay.

Lontano, molto lontano, dalla confezione patinata dei blockbuster pensati per il target adolescenziale e con la colonna sonora affidata a un produttore elettronico come Jon Hopkins, Come vivo ora è un audace racconto di formazione che si caratterizza per l’approccio indie e per l’attenzione rivolta verso tematiche politiche e adulte, filtrate attraverso la sensibilità e lo sguardo dei teenager (nel cast c’è anche Tom Holland, futuro Spider-Man). E allora ecco l’importanza dell’ambiente, la divisione e le conseguenze drammatiche e definitive che deriverebbero da un conflitto mondiale e dall’utilizzo di armi nucleari.

Non conosceremo mai i motivi per cui è in atto una guerra e non sapremo neppure da chi è stata invasa l’Inghilterra. Risulta così particolarmente indovinata la scelta di raccontare fuoricampo la scoperta e le evoluzioni dello scontro, dando priorità allo spaesamento e alla paura di chi si trova coinvolto senza poter comprendere le ragioni per cui è in pericolo. Il cuore della pellicola sta nel coraggio e nell’ostinazione del personaggio della Ronan, eroina ribelle che deve destreggiarsi tra il fuoco degli uomini e le insidie della natura. Un titolo da segnare sul taccuino che vale davvero la pena di riscoprire.

  • Qui sotto una clip, mentre il film lo trovate su CHILI qui.

Lascia un Commento

Raffinato autore oppure divo social? L’eterna mutazione di Xavier Dolan

Auguri, Paperino! | I corti in VHS, la rivincita in Duck Tales e la vita di uno strano papero