in

Il cielo d’Irlanda e quella follia soul | Perché recuperare The Commitments

Dublino, il soul, l’amicizia, la birra e i rimpianti: perché dovete (ri)scoprire il cult di Alan Parker

MILANO – «Gli irlandesi sono i più negri d’Europa, i dublinesi sono i più negri d’Irlanda, e noi di periferia siamo i più negri di Dublino». Nel 1988 lo scrittore irlandese Roddy Doyle pubblicò The Commitments, il primo dei romanzi che formano la trilogia di Barrytown, immaginario quartiere operaio di Dublino (gli altri due sono The Snapper e The Van, entrambi portati sul grande schermo da Stephen Frears). Fu Alan Parker, regista di successi pop come Saranno famosi e The Wall, a portare al cinema The Commitments. Perché proprio Parker? Perché The Commitments – lo trovate in streaming qui – è soprattutto un film di musica, materia che il regista londinese ha dimostrato di saper maneggiare piuttosto bene.

The Commitments
Robert Arkins nei panni di Jimmy Rabbitte

Quello che non ti aspetti però è la descrizione di Dublino e della sua gente, che inquadra magistralmente lo spirito, le aspettative, l’ironia, le sconfitte, le anime che percorrono la capitale irlandese. La storia è quella di giovani, disoccupati, ubriaconi e perdigiorno che mettono in moto il sogno di formare un gruppo soul e di sfondare, per diventare la terza stella del firmamento musicale d’Irlanda dopo gli U2 e Sinead O’Connor. Perché proprio il soul? Perché è una musica sincera, onesta, semplice, con il ritmo delle fabbriche e del sesso. Decidono di chiamarsi The Commitments, appunto, che significa «gli impegni, le promesse».

The Commitments

Dopo i primi concerti nelle parrocchie e nei centri sociali, appena comincia a intravedersi la possibilità di un successo più ampio, il gruppo però comincia a sbranarsi, pian piano nessuno sopporta più nessuno. E il sogno si sgonfia: tutti prenderanno strade differenti. The Commitments è come il soul: racconta la vita così com’è, con i suoi frammenti, avara di sogni pronti a realizzarsi. Si concentra sulla passione e sul percorso dei suoi protagonisti: arrivare o meno al traguardo è indifferente. Un film che omaggia gli sconfitti di tutto il mondo e tutti i talenti incapaci di disciplinarsi, facendone risplendere la poesia dell’impossibilità di saper coniugare successo e pace con se stessi.

The Commitments
Le coriste: Bronagh Gallagher, Angeline Ball e Maria Doyle Kennedy

Un vero film sull’Irlanda e sul senso profondo di essere irlandesi: un popolo che non pensa a progetti a lungo termine. Quello che conta saranno sempre la musica e le mani di qualcuno sui fianchi di qualcun altro: sia le mani che i fianchi possono essere di chiunque. Una curiosità: tutti gli interpreti di The Commitments erano sconosciuti prima delle riprese, scelti soltanto per le loro capacità di musicisti. Nessuno di loro ha proseguito la carriera d’attore.

  • Volete vedere The Committments? Lo trovate qui
  • Se volete leggere altre Revisioni, le trovate qui

Lascia un Commento

Non si scherza col fuoco

Non si scherza col fuoco | Arriva in streaming la commedia con John Cena

all is lost

All is lost | Robert Redford, l’Oceano Indiano e la storia vera dietro il film