in

Il ritorno di Perry Mason, tra Matthew Rhys, Los Angeles e la Grande Depressione

Prodotta da Robert Downey Jr. il reboot è dedicato all’avvocato nato dalla penna di Stanley Gardner

Perry mason
Matthew Rhys è Perry Mason nella serie HBO

MILANO – Se è vero che Hollywood punta su remake, sequel e franchise giocando sull’effetto nostalgia, anche il piccolo schermo non è da meno. Ne è la riprova il reboot di Perry Mason targato HBO. L’avvocato difensore nato dalla penna di Erle Stanley Gardner comparso in oltre ottanta libri e racconti brevi. Un cult editoriale, parte integrante della nostra cultura popolare – Ozzy Osbourne gli ha dedicato una canzone (!) – grazie anche alla serie di adattamenti per cinema e tv che si sono susseguiti negli anni. Da Raymond Burr protagonista dell’omonima serie tv andata in onda sulla CBS dal 1957 al 1966 a Monte Markham negli anni Settanta al centro di The New Parry Mason fino alla serie di film degli anni Trenta con Warren William.

perry mason
Un’immagine della serie

Il nuovo volto dell’avvocato difensore? Matthew Rhys che, tolti i panni della spia russa di The Americans, torna sul piccolo schermo in una produzione di cui si vociferava già nel 2016. All’epoca sarebbe dovuto essere Robert Downey Jr. ad interpretare Perry Mason e Nic Pizzolatto a scrivere la sceneggiatura. Ma True Detective ebbe la meglio e il progetto venne accantonato. Oggi Downey Jr. è rimasto nella produzione ma in veste di executive producer insieme a Susan Downey mentre Rolin Jones e Ron Fitzgerald (Friday Night Lights) hanno avuto l’arduo compito di scrivere il nuovo capitolo della storia di Mason.

perry mason
Tatiana Maslany è Sister Alice

Ambientato nella Los Angeles del 1932, Perry Mason racconta del tentativo del Paese di lasciarsi alle spalle la Grande Depressione mentre la città degli angeli era attraversata da un nuovo fervore, tra giochi olimpici, l’età d’oro di Hollywood e una nuova espansione economica data dal petrolio. In questa cornice s’inserisce l’intricato caso del rapimento di un bambino che porterà l’avvocato difensore sulle tracce di una popolare evangelista, Sister Alice (Tatiana Maslany). Una sorta di origin story del personaggio creato da Erle Stanley Gardner che mostrerà il loro più oscuro della città concentrandosi sulla vita da investigatore privato di Mason.

Perry Mason
Metthew Rhys in una scena di Perry Mason

«Sono tutti colpevoli» sentenzia Mason nel trailer della serie accompagnato dal sassofono blues di Life In A Glasshouse dei Radiohead. Perry Mason porterà dunque a galla i segreti di una città e, a differenza delle serie del passato, non si concentrerà su un nuovo caso per ogni episodio. Una crime story dalle atmosfere noir che omaggia i classici del genere e in cui ritroveremo alcuni dei personaggi storici dei romanzi di Gardner. Dalla fidata segretaria di Mason, Della Street (Juliet Rylance) all’investigatore privato Paul Drake (Chris Chalk). Nel cast di Perry Mason, in onda oltreoceano dal 21 giugno per la regia di Tim Vab Patten (I Soprano, Il Trono di Spade) e Deniz Gamze Ergüven (Mustang), anche John Lithgow nei panni di Elias Birchard “E.B.” Jonathan e Shea Whigham in quelli di Pete Strickland.

Qui potete vedere il trailer di Perry Mason:

Lascia un Commento

John Belushi

John Belushi, il grande assente ingiustificato. Tra folli risate e anarchia

oltre la notte

Oltre la Notte | Diane Kruger, il terrorismo europeo la storia vera dietro il film