in

Una folle passione | Jennifer Lawrence, Bradley Cooper e la storia vera dietro il film

Potere e amore: di cosa parla il romanzo di Ron Rash da cui ha preso ispirazione Susanne Bier?

Una folle passione

MILANO – Due folli impresari e una corsa disperata verso la conquista del potere. Una storia che avrebbe potuto essere vera. Ma Una folle passione, diretto da Susanne Bier con Jennifer Lawrence e Bradley Cooper, prende, in realtà, ispirazione da un libro. Il romanzo omonimo di Ron Rash, scrittore e poeta statunitense, fa quello che nelle intenzioni del suo autore è molto semplice: «Spesso il modo migliore per parlare del presente è attraverso il passato». Pubblicato nel 2008, riflette la difficile situazione politica di quegli anni – nel pieno delle elezioni presidenziali che hanno portato alla vittoria di Barack Obama – attraverso un altro periodo del Paese, ben più difficile e drammatico.

Una folle passione
Jennifer Lawrence e Bradley Cooper in una scena di Una folle passione

La storia di Serena e George si muove, infatti, a partire dagli anni della Grande Depressione e il crollo di Wall Street del ’29. Il tutto vissuto da un’angolazione precisa: quella di un piccolo paese della Carolina del Nord. I due, inizialmente innamorati e felici nel loro matrimonio, decidono di dare vita a un impero del legno attraverso il disboscamento delle zone in cui vivono. Lui, succube della moglie, che tra i due è la più ambiziosa, segue Serena sulla via per il potere, senza rendersi conto in tempo che il loro destino è già scritto e quella in cui stanno incappando è una rovinosa discesa.

Una folle passione
Jennifer Lawrence è Serena in Una folle passione

Certo, l’atteggiamento dei due nei confronti di coloro che osano opporsi, siano essi gli abitanti del paese o un gruppo di ecologisti, non è un trionfo di diplomazia. Chiunque capiti sulla loro strada, perde la vita. Le dinamiche tra i due coniugi sembrano ricalcare alcuni aspetti del Macbeth, a cui l’autore afferma di essersi ispirato per molti dei suoi scritti essendo un grande ammiratore di Shakespeare. E tra tutti, spicca proprio il personaggio di Serena, moderna Lady Macbeth, che è l’unica a sapere ciò che veramente vuole, ad essere disposta a tutto pur di ottenerlo e ad avere il coraggio di agire di conseguenza. Sembra una tragedia annunciata, soprattutto quando il matrimonio inizia a sfaldarsi e nel rovinoso scontro finale i risultati sono disastrosi per George. È evidente quindi che il passato non si fa portatore solo di una situazione politica.

Una folle passione
Una scena del film

Nel passaggio dalla pagina allo schermo rimangono tutti quei caratteri che – tragicamente – sono propri dell’uomo in ogni tempo: avidità, corruzione, ossessione, perseguimento del potere senza scrupoli. Ron Rash, che considera Una folle passione il suo libro più ambizioso, è molto legato a questa storia, dichiarando come «è stata un’esperienza strana scrivere quel libro, sono entrato in un luogo profondo e oscuro e non sono mai stato così consumato da un libro prima o dopo». Forse complice il fatto di aver creato un personaggio femminile come pochi ne esistono. Serena, che è la vera protagonista di tutto il dramma, è una donna forte e spietata, non si piega davanti a niente e nessuno. E una donna con quel potere, in quegli anni, è cosa rara.

Jennifer Lawrence e Bradley Cooper in Una folle passione

«Nella letteratura americana non penso abbiamo donne come lei» sottolinea l’autore. Anche sullo schermo, aggiungiamo noi. Tra le vedute poetiche della Carolina e i sotterfugi in nome del denaro si muove quindi la trama ideata da Serena: un personaggio che possiamo elogiare o condannare ma che, come dichiara lo scrittore, è portatrice di una verità: «Ci sono sempre delle Serena là fuori, ma ci sono sempre persone che le combatteranno e persone che troveranno il potere dalla forza dell’amore invece che dal desiderio di potere».

  • Volete (ri)vedere Una folle passione? Lo trovate su CHILI
  • Volete leggere altre Storie? Le trovate qui

Lascia un Commento

VIDEO | What’s Up, le nostre interviste via WhatsApp | Carolina Crescentini

Jesus Christ Superstar

Jesus Christ Superstar | Gli Anni Settanta e la religione pop di Andrew Lloyd Webber