in

I trailer della settimana | Da La vita in un attimo a The Vanishing

Oscar Isaac, una canzone dei Band of Horses, un faro e il ritorno di Oskar Schindler. Basta così?

Freshly Popped

Nuova settimana e nuovi trailer, alcuni talmente belli che sembrano già dei piccoli film. Un esempio? Quello de LA VITA IN UN ATTIMO – in sala dal 21 febbraio – scritto e diretto da Dan Fogelman, l’uomo dietro le lacrime di This Is Us. Tre minuti di immagini, volti e musica che non ti lasciano più, segnati da una canzone dei Band of Horses, The Funeral, che scorre sotto per tutta la durata. Oscar Isaac è, come sempre, magnifico, ma qui attenzione anche a una rinata Olivia Wilde, a Mandy Patinkin e alle apparizioni di Annette Bening e Antonio Banderas. Per chi al cinema vuole piangere, film assolutamente da non perdere.

Altre lacrime per la riedizione di SCHINDLER’S LIST che, a venticinque anni dall’uscita ritorna in sala dal 24 al 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria. Un occasione unica per chi non ha mai visto in sala il capolavoro di Steven Spielberg. Per l’occasione, un nuovo, devastante, trailer, con la colonna sonora di John Williams e il bianco e nero firmato da Janusz Kaminski che colpisce occhi e cuori.

E ora qualcosa di completamente diverso: ricordate Non sposate le mie figlie!, l’esilarante commedia francese del 2014? Adesso è pronto il sequel e in Francia uscirà il 30 gennaio. Titolo? QU’EST CE QU’ON A FAIT AU BON DIEU 2 che in Italia si chiamerà ovviamente Non sposate le mie figlie 2. Risate, equivoci e battute politicamente scorrette: il primo trailer promette piuttosto bene.

L’ultimo trailer che vi proponiamo questa settimana è quello di THE VANISHING, un film che dovrebbe uscire alla fine di febbraio in Italia, un thriller piuttosto insolito con la strana coppia formata da Gerald Butler e Peter Mullan e diretta dal regista danese Kristoffer Nyholm. Ingredienti? Un faro, un mistero e un segreto da tenere al riparo su un’isola.

Lascia un Commento

Da Alberto Sordi a Massimo Dapporto: la seconda vita di Un borghese piccolo piccolo

L’altra faccia di Fabrizio De André: vent’anni senza un principe libero