in

The Lodge, l’isolamento e quell’horror sospeso tra Paradiso e Purgatorio

Dopo Goodnight Mommy, Franz & Fiala tornano ad esplorare la mente. Tra suggestioni e manipolazione

The Lodge
Riley Keough è Grace in The Lodge

ROMA – Veronika Franz e Severin Fiala si erano già fatti conoscere nel 2014 grazie al loro ottimo film di debutto, l’horror Goodnight Mommy. Ora la coppia torna in sala – dopo il passaggio al Sundance – con The Lodge addentrandosi, ancora una volta, in quelle atmosfere celebrali che li hanno resi celebri. Questa volta mescolano religione e vendetta in un’opera che sfrutta la sospensione del Purgatorio come dimensione di penitenza e ritorsione personale. Un non-luogo dove l’impalpabile pesa come un corpo morto e trasporta lo spettatore in una bolla sospesa riempita di anomalia e tensione.

The Lodge
Gli spazi di The Lodge

La storia? Sconvolta dalla notizia del futuro matrimonio del suo ex-marito, la madre di Aidan (Jaeden Martell) e Mia (Lia McHugh) sceglie di togliersi la vita. Ancora in preda al dolore per la sua scomparsa, i due ragazzini saranno costretti a trascorrere i giorni precedenti al Natale insieme alla nuova compagna del padre, l’apparentemente ingenua Grace (Riley Keough). Una giovane donna di cui i bambini presto scopriranno le radici oscure a cui è legato il suo passato. Unica sopravvissuta ad un suicidio di massa avvenuto anni prima, Grace era la figlia di un santone spirituale dedito a Dio e all’espiazione delle proprie colpe, condizione in cui verrà nuovamente indotta, finendo per credere di essere bloccata nell’eterna staticità di quel limbo.

the lodge
Un felice pranzo in famiglia

Ed è proprio il riaffiorare del trauma ciò su cui è incentrata la sceneggiatura di The Lodge. In una costruzione quasi circolare, che riprende elementi posti all’inizio della pellicola come corrispettivi degli eventi e risvolti finali, il film di Franz & Fiala sfrutta le suggestioni religiose per declinarle nell’horror. Elemento che qui manipola sia gli spettatori che – e con risultati agghiaccianti – le sorti dei personaggi. Immersa nel bianco innevato e isolato, tanto da contribuire all’idea stessa di inesistenza di cui sono prigionieri i protagonisti, la villetta che fa da sfondo alla storia, soffoca e annulla qualsiasi luce, diventando palcoscenico di un piano infernale.

the lodge
Nel cast di The Lodge c’è anche Richard Armitage

La colpa, i peccati, l’anima da ripulire per ascendere al Paradiso: l’inquietudine domina il Purgatorio presunto in cui Grace, Aidan e Mia sono costretti, mentre il nero inghiotte le inquadrature ed esorta l’ambiente circostante a diventare zona d’ombra in cui attendere di liberarsi dai mali e farsi accogliere – addirittura – nel regno dei cieli. Un horror che distorce la percezione e utilizza tutti i tasselli messi in campo al momento opportuno, in un binario univoco che unisce pubblico e protagonisti, profondamente turbati dalle medesime sensazioni.

The Lodge
Una scena di The Lodge

Pur allentando la tensione al centro della narrazione, quello di The Lodge si attesta quindi come un ottimo lavoro di scrittura che i due registi traslano a livello di messinscena: dalla premonizione della casa delle bambole al ritorno di oggetti e ricordi che amplificano il significato della storia, fino ad arrivare alla sua conclusione. In mezzo, un film volutamente sospeso come i suoi protagonisti, manifestando una concreta e spaventosa irrequietezza.

Qui il trailer ufficiale di The Lodge

Lascia un Commento

La protagonista di Yalda, Sadaf Asgari

La guerra e il cinema | Massoud Bakhshi, Yalda e un film sospeso tra Iran e il Sundance

Federico Fellini: Giulietta Masina ne Le Notti di Cabiria

Federico Fellini inedito | Le Notti di Cabiria e quelle foto mai viste