in

The Boys 2 | Attenti all’agguerrita Stormfront: la villain perfetta per il 2020

Aya Cash interpreta la supereroina dark nella seconda stagione della serie rivelazione di Amazon

The Boys Stormfront
Aya Cash nei panni della villain Stormfront in The Boys

MILANO – «Sventurata è la terra che ha bisogno di eroi!» E se avete visto la fortunata serie tv targata Amazon Prime Video, The Boys, sapete che lo showrunner Eric Kripke sta facendo uno straordinario lavoro per affondare il coltello della satira nelle pieghe più ambigue della nostra società, dimostrando così quanto avesse ragione Bertolt Brecht. Rapido riassunto per chi si fosse perso le puntate precedenti: in una versione distopica degli Stati Uniti, i supereroi esistono, sono popolarissimi, costituiscono una élite di potere e fanno capo ad una multinazionale, la Vought. A unirsi a loro nei nuovi episodi, distribuiti settimanalmente causa Covid, c’è Stormfront: eroina femminista con un oscuro passato e una spaventosa agenda politica per il futuro.

The Boys Stormfront
Aya Cash è la controversa supereroina Stormfront

A interpretare Stormfront c’è Aya Cash, già vista in Fosse/Verdon e imperdibile nella dark comedy You’re the Worst ancora inedita in Italia. Complice un casting perfetto, Stormfront ci appare a prima vista come una “Unapologetic Bitch” dalla parlantina svelta, poco incline a farsi pilotare dalla Vought, pronta ad esprimere sempre ciò che pensa tramite i social, e con una adorabile passione per un’altra ribelle del piccolo schermo, Pippi Calzelunghe. Ma quello che si nasconde sotto un costume da supereroina e una tonnellata di carisma femminista, capace di frantumare il soffitto di cristallo è, a tutti gli effetti, un incubo.

Le due versioni di Stormfront
Le due versioni di Stormfront

Ancora una volta l’abilità di Kripke e soci di ribaltare le aspettative ci tira un colpo dritto allo stomaco perché, più la narrazione prosegue, più scopriamo che dietro la maschera di Stormfront si nasconde (spoiler!) una fervente suprematista bianca, legata a doppio filo con il nazismo, che usa le istanze femministe e la rabbia dei suoi follower per un solo scopo: acquisire sempre più potere. «Nel fumetto originale (creato da Garth Ennis e Darick Robertson, Nda) Stormfront è un uomo, un nazista schietto che indossa una svastica. [Il mio personaggio] è una versione aggiornata che la rende un po’ simpatica nella prima parte della stagione» ha raccontato Cash in un’intervista a Vulture. «Questa è una cosa pericolosa, ma è anche il pericolo che c’è nel nostro mondo in questo momento: queste persone che vomitano odio, ma tutto è racchiuso in questo tipo di soggetti carini, intelligenti, quasi punk».

Stormfront The Boys
Stormfront e il superpotere dei social network

Certo, che i lupi possano travestirsi da agnelli non è certo una novità del 2020, ma quello che The Boys e l’inquietante Stormfront cercano di farci capire è che non dobbiamo mai e poi mai fermarci alla superficie. In una realtà come la nostra, senza supereroi ma piena di insidie, dove i conflitti sono estremizzati, la rabbia è il combustibile per ottenere consenso, e le dichiarazioni ad effetto diventano virali in un batter d’occhio, è fondamentale mantenersi vigili, approfondire, conoscere e non farsi ingannare da slogan bipartisan di facile presa. Insomma per sopravvivere in questo mondo non servono i superpoteri, basta accendere il cervello!

Lascia un Commento

Captain Fantastic

Captain Fantastic, Viggo Mortensen e la necessità del compromesso

HOT CORNER | Jasmine Trinca e Olivia Musini: «Being My Mom e la prima scintilla…»