in

Wim Wenders: «Submergence, il mio eterno viaggio e un’altra visione del pianeta»

Alicia Vikander e James McAvoy, Somalia e Normandia: il regista racconta il suo film, ora in streaming

Nel corso del tempo: Wim Wenders in azione sul set.

BERLINO – Dall’Australia al Papa, dal blues a Nick Cave passando per Salgado: il cinema come viaggio, lo sguardo come traiettoria attraverso epoche e continenti. Wim Wenders non si ferma mai, a volta rallenta il cammino, mai lo arresta. Questa volta finalmente arriva in streaming su CHILI con un film che in realtà ha tre anni e ha fatto il giro del mondo prima di scomparire: Submergence passò infatti a Toronto nel 2017 e poi si perse nei meandri della distribuzione, nonostante abbia come protagonisti una coppia da blockbuster: Alicia Vikander e James McAvoy. Un’opera da recuperare che qui il regista racconta, a partire dall’incontro con la coppia formata da Danielle Flinders (Vikander) e James More (McAvoy), due persone diverse che si incontrano casualmente in un hotel in Normandia e finiranno lontanissimi. Tra la Somalia e l’oceano.

James McAvoy diretto da Wim Wenders in una scena di Submergence.

IL PRIMO PASSO – «Cameron Lamb, il produttore del film, un giorno mi ha regalato Submergence, il libro scritto da Jonathan M. Ledgard, giornalista dell’Economist, dicendomi che era determinato a girarci un film. Così, ho letto subito il romanzo e l’ho trovato meraviglioso. Non avevo mai letto nulla di simile, ma non riuscivo francamente a capire come si potesse trasporre in immagini. Eppure, nonostante tutto, credo fosse un buon segno: non sapere come fare una cosa è una buona ragione per cercare di farla».

Wim Wenders e Alicia Vikander con la troupe sul set di Submergence.

LA STORIA – «La storia di Submergence è autentica perché le esperienze che fanno da sfondo al romanzo sono state vissute in prima persona da Jonathan durante la sua attività di reporter ad Al-Shabaab, in Africa orientale e in Somalia. E poi si arricchisce della sua conoscenza del mondo sommerso spiegando perché sia così importante per noi fare ricerche su ciò che sta accadendo sui fondali marini e come questo potrebbe fornire la soluzione per il futuro del pianeta».

James McAvoy e Alicia Vikander in una scena di Submergence.

JAMES MCAVOY – «Ricordo molto bene di aver visto L’ultimo re di Scozia quando è uscito al cinema, era il 2006 credo, e da allora James è da sempre uno dei miei attori preferiti, quindi sapevo che il ruolo di James More era già suo, anche prima di incontrarlo a Londra. James ha interpretato vari tipi di personaggi e ho trovato un attore in grado di esprimere qualcosa di molto, molto personale. E pensare che dopo il nostro dialogo credeva che non l’avrei scelto!».

IO & ALICIA – «Alicia? Alicia era come immaginavo il personaggio di Danielle: carismatica, bella e brillante. Ha instaurato subito quasi un’alchimia con la macchina da presa. Ha dovuto fare molte ricerche per prepararsi, ma ha saputo portare una presenza meravigliosa nel ruolo di questa persona impegnata, brillante, estremamente motivata e disposta ad andare no in fondo nella sua missione nonostante i rischi».

Wenders e Alicia Vikander a San Sebastian durante una delle presentazioni del film.

REDA KATEB – «Ho scoperto Reda qualche anno fa, in un meraviglioso film francese che si chiamava Il profeta. Qui interpreta Saif, un personaggio estremo, un attentatore suicida il cui giubbetto non è esploso e per questo motivo viene considerato un santo. Reda è stato perfetto, si è calato nella parte in maniera incredibile tanto che a volte, durante le riprese, ho pensato: “Spero di non incontrare mai un tipo così nel cuore della notte…”».

Reda Kateb nel ruolo dell’estremista Saif.

L’OBBIETTIVO – «Quello che realmente spero è che in un piovoso giovedì sera a Bristol, Detroit o dovunque si trovi, lo spettatore esca da questa visione con un’idea del pianeta e delle proprie abitudini anche solo leggermente diversa da prima. Che si renda conto di quanto è grande e vario il mondo, ma anche di quanto possa risultare fragile…».

  • Qui potete vedere il trailer di Submergence:

Lascia un Commento

La serie cult La tata

La Tata | Fran Drescher, gli anni Novanta e un’infanzia piena di bugie

Il sacrificio di Ian Curtis, i Joy Division e la poesia dolente di Control